En el sueño de Polifilo di Ernesto Morales (la mostra)

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Critica d'arte e curatele, Dove sono - Appuntamenti, Eventi, Lo spazio della Polis | Posted on 01-04-2012

Tag:, , , , , , , , ,

0

Vernissage martedì 3 aprile 2012, 18.00-21.00

Dal 4 aprile al 27 maggio 2012

Titolo Ernesto Morales: En el sueño de Polifilo

Sede Torino, Raffaella De Chirico Galleria d’Arte,

Via Vanchiglia, 11/A

Durata Dal 04 Aprile al 27 Maggio 2012

Opening Martedì 03 Aprile 2012 dalle ore 18,00 alle 21,00

Orario Da martedì a sabato 10.00-12.30 / 15.30 -19.30.

Chiuso lunedì. Domenica su appuntamento

Catalogo Raffaella De Chirico Galleria d’Arte

Raffaella De Chirico Arte Contemporanea – Via Vanchiglia, 11/A – 10124 – Torino, Ph: +39 011 19503550 W:www.dechiricogalleriadarte.it E: info@dechiricogalleriadarte.it

Mar-sab: 10.00/12.30 – 15.30/19.30. Domenica su appuntamento. Lunedì chiuso.

.

La Raffaella De Chirico Galleria d’Arte è lieta di annunciare la mostra En el sueño de Polifilo” dell’artista argentino Ernesto Morales, che torna con un progetto espositivo intimamente legato alla letteratura ed all’universo onirico, patrocinato dall’Ambasciata Argentina in Italia.

En el sueño de Polifilo” l’artista presenta il suo ultimo ciclo di lavori, fino ad ora inediti ed interamente frutto del suo primo anno di residenza nella capitale sabauda, in cui si è trasferito definitivamente esattamente un anno fa, affascinato dall’atmosfera metafisica e riflessiva della città, portando avanti una proficua collaborazione con la galleria De Chirico, che lo rappresenta.

La mostra include sette opere inedite di grande formato, esposte nel salone centrale, tra cui “Mariposas en el bosque”, “Vacas migrantes en el bosque” e “Golondrinas en el bosque”, tutti olio su tela 2012,100×150 cm, ed alcuni lavori precedenti recentemente esposti a Rapallo, Antico Castello sul Mare, allestiti nelle salette laterali della galleria.

En el sueño de Polifilo” si presenta come una ricerca di purezza stilistica ed espressiva da parte di Ernesto Morales, che accetta la sfida di temi dalla forte natura spirituale e dalla imponente valenza simbolica e lo fa confrontandosi con un testo capitale per la tradizione esoterica e simbolica occidentale (“Hypnerotomachia Poliphili” di Francesco Colonna pubblicato nel 1499 da Aldo Manunzio il Vecchio).

Le serie pittoriche dell’artista argentino (ex. “Vacas Migrantes”, “Tiempos Migrantes”, “Mari Migranti”…), sono infatti vere e proprie sequenze narrative capaci di condensare, attorno ad una simbolica ricorrente, alcuni temi esistenziali come il viaggio, le migrazioni, l’esilio, la conoscenza e lo spazio dell’umano, elementi centrali nella riflessione di Morales, artista eclettico con alle spalle un ricco vissuto di indagine di luoghi e culture differenti.

Per l’artista argentino il reale è un’entità stratificata e merita di essere indagata in profondità con un’attenzione particolare, che sia in grado di svelarne la complessità e restituirla in una rappresentazione accessibile e universale. Questo è uno degli elementi cardine dell’estetica di Ernesto Morales, affrontato sia tecnicamente, sia simbolicamente. Dal punto di vista tecnico artistico, la pittura di Ernesto si presenta infatti come una ricerca sul figurale e il figurativo, sul colore e sulla luce, resa attraverso un magistrale uso del monocromatico capace ci condensare, al suo interno, una policromia di colori sovrapposti.

Dal punto di vista simbolico spirituale, invece, questa densità della realtà viene indagata attraverso una ricerca sul figurale e sul simbolico, indirizzata a rendere ragione di quella grammatica universale delle cose che ci permette di afferrarle e trasformarle in realtà, con la consapevolezza che essa è sempre più profonda e più complessa di quanto ci restituisca la nostra percezione. Insomma, la pittorica di Morales è uno schiaffo ad ogni “riduzionismo” e ad ogni “realismo ingenuo”, uno schiaffo che può essere sferrato solo da un erede di quel “realismo magico” latino americano, cresciuto alla scuola di  Jorge Luis Borges.

Nel ciclo di opere inedite esposte nel salone centrale della galleria, Ernesto Morales, attraverso la rappresentazione delle foreste del “doppio sogno di Polifilo”, della mistica della luce e della simbolica solare delle farfalle, delle rondini e delle vacche, riesce a dimostrare che il limite tra l’universo simbolico e materiale è molto sottile e che gli elementi mitologici e spirituali sono parte integrante di una realtà, che solo una forma di “realismo magico” può restituire.

Questi semplici fattori sono stati magistralmente integrati con  la ricerca cromatica, in modo da mettere in scena un paesaggio onirico dai tratti surreali, capace di presentarsi come un “tempio per l’uomo alla ricerca della luce”, come avviene nei quadri “Mariposas en el bosque” , “Vacas migrantes en el bosque” e “Golondrinas en el bosque”.

La mostra verrà accompagnata da un catalogo, dove sono pubblicate le sette opere inedite, con testo critico a cura di Roberto Mastroianni.

“La Libertà dei Servi” (presentazione del libro di Maurizio Viroli)

Posted by roberto09 | Posted in Dicono di me..., Dove sono - Appuntamenti, Eventi, Lo spazio della Polis, Teoria e critica filosofica | Posted on 18-02-2011

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

0

Lunedì 21 febbraio 2011 parteciperò a un’iniziativa promossa dall’Associazione Altera-generatore di pensieri in movimento. Si parlerà di Libertà, repubblicanesimo e politica… Spero di vedervi numerosi.

Altera, per un evento siglato WeLoveBooks, vi invita alla presentazione del libro:

LA LIBERTA’ DEI SERVI, di Maurizio Viroli (ed. Laterza). Libro recentissimo di grande successo in cui l’autore (professore di Politcs presso l’Università di Princeton, USA) delinea una storia della libertà in Italia declinandola come libertà dei servi-cortigiani, come dire dalle coorti rinascimentali a Berlusconi. Il libro è molto interessante e attuale e speriamo di vedervi in molti alla presentazione, che si terra lunedì 21 febbraio alle ore 18 presso la Sala Lauree della Facoltà di Lettere e Filosofia a Palazzo Nuovo (via S. Ottavio, 20, Torino).

Partecipano all’incontro, oltre all’autore, il prof. Tuccari (direttore del Dipartimento di Studi Politici dell’Università di Torino), Folena (politico), Mastroianni (filosofo e presidente di Altera). Modera Nicola Mandirola.

Rinnoviamo l’invito, augurandoci larga partecipazione.

Per informazioni: redazione@alteracultura.org

L’ITALIA UNITA E VOLUTA NEL RISORGIMENTO di Franzo Grande Stevens

Posted by roberto09 | Posted in Lo spazio della Polis, Politica nazionale | Posted on 02-01-2010

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Correndo dietro alle nostre pulsioni filorisorgimentali, in questo momento in cui i peggiori implusi del nostro Paese cercano di mettere in discussione Risorgmento ed Unità d’Italia ed in questo modo mettere in discussione i diritti acquisiti con essa, crediamo possa essere un’ottima idea ricominciare l’anno con uno sguarda al passato ed un pensiero al futuro.

di Franzo Grande Stevens (tratto da La Stampa del 2 gennaio 2010).

Si è in tanti al lavoro, soprattutto a Torino, per realizzare l’anno venturo i vasti programmi di celebrazioni dell’Unità d’Italia; ma, imprevedibilmente, si sono levate distinte voci di dissenso. C’è chi sostiene che qui, dal Piemonte, non si volle un’Unità così come realizzata per tutta l’Italia e chi d’altra parte ritiene che alcune Regioni italiane fossero state brutalmente annesse contro la loro volontà ed i loro interessi.

È molto triste che così si dimentichino – o piuttosto si tradiscano – le migliaia e migliaia di patrioti e di intelligenze di tutta la penisola che credettero negli ideali degli illuministi, della rivoluzione francese, di quella napoletana del ’99, nell’unità degli italiani e per restarne fedeli andarono in esilio, nelle carceri o sacrificarono la loro vita.

Proprio qui in Piemonte, si guardò lontano: si dette la Costituzione (lo Statuto), si riconobbero i diritti delle minoranze (ebrei e valdesi), si combatterono con le guerre di indipendenza gli stranieri che occupavano regioni italiane, si stabilì che la giustizia ordinaria, senza distinzioni e privilegi, fosse applicabile anche agli ecclesiastici, si accolsero gli esuli qui venuti d’ogni parte d’Italia.

Intorno al decennio chiamato «di preparazione» (1849-1859), a Torino convennero i migliori da tutta l’Italia.

Dalla Biennale dei Giovani Artisti d’Europa e del Mediterraneo (BJCEM).

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Comunicazione, Eventi, Mondo | Posted on 08-09-2009

Tag:, , , ,

0

L’Assemblea internazionale della BJCEM ha rieletto, sabato 5 settembre a Skopje (Macedonia), alla Presidenza dell’organizzazione il torinese Luigi Ratclif.

Proponiamo di seguito un intervista rilasciata pochi giorni fa dal Presidente, tratta dal sito  feeltorino.it.