Scrivere la città (a Brera)

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Dicono di me..., Dove sono - Appuntamenti | Posted on 25-03-2014

Tag:, , , , , , , , , ,

0

Martedì 25 marzo, dalle ore 11,00 nella Sala Napoleonica dell’Accademia di Belle Arti di Brera in via Brera 28 a Milano, saranno presentati i volumi: “Scrivere la città”, “Arte nello spazio pubblico” e “Siti specifici”.
Caratteristica comune dei tre saggi l’indagine sul rapporto tra opera e spazio della città in una serie di casi di studio.
Saranno presenti gli autori  Martina Corgnati,Roberto Mastroianni, Antonello Pelliccia,   Gabriele Perretta, Ugo Volli
 Untitled-3-1

“Quadri che ci guardano” di Martina Corgnati

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Teoria e critica filosofica | Posted on 03-07-2011

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

(dalla Prefazione di Annalisa Lubich)

Sguardi che catturano, per sempre. Sono quelli delle opere d’arte. Svelano o celano, seducono o spaventano, ma sempre ci rivelano qualcosa sulla nostra umanità

Giugno 2011. Esistono tanti mezzi di comunicazione, ma nulla è più diretto di uno sguardo. Se poi è quello di un quadro, diventa un messaggio eterno. Così anche se son passati secoli ci troviamo, nelle sale di un museo, a restituire appunto “lo sguardo” a un’immortale sconosciuta, magari chiedendoci cosa ci voleva dire con il suo cipiglio.

Martina Corgnati analizza proprio il mistero racchiuso negli occhi nel volume I quadri che ci guardano di Editrice Compositori pubblicato nella collana Quadrifogli.

L’ARTE DELLO STUCCO IN EUROPA DALLA TARDA ANTICHITÀ ALL’ETÀ GOTICA

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Eventi | Posted on 01-05-2011

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

0

Mercoledì 4 maggio 2011

ore 18

Presentazione del volume

L’ARTE DELLO STUCCO IN EUROPA

DALLA TARDA ANTICHITÀ ALL’ETÀ GOTICA

di Martina Corgnati

Edizioni Quattroemme

Palazzo Madama – Sala del Senato

Piazza Castello – Torino

Con l’autore intervengono:

Giovanna Cattaneo Incisa

Presidente Fondazione Torino Musei

Enrica Pagella

Direttore Museo Civico d’Arte Antica

Enrico Castelnuovo

Scuola Normale Superiore di Pisa

Il volume “L’arte dello stucco in Europa” prende in considerazione per la prima volta in termini sistematici l’intera produzione di stucchi figurati e decorativi ampiamente diffusi nell’Europa antica e medioevale, fra il V e il XIII secolo. Si tratta di decine di fondazioni, quasi sempre chiese, abbazie e ambienti annessi, variamente e riccamente decorati con rilievi e sculture architettoniche in stucco e spesso anche affreschi e mosaici; ambienti che oggi risultano quasi sempre alterati in maniera irreversibile, frammentari e in precario stato di conservazione. Per questo è stato importante tentare una catalogazione degli interventi decorativi in stucco, tale da mettere finalmente in luce il valore artistico e l’importanza storico-culturale di queste preziose creazioni lungo tutti i secoli del Medioevo. Dal Battistero degli Ortodossi di Ravenna fino alle grandi chiese sassoni del XIII secolo si viene così delineando una complessa e ricca geografia degli stucchi che in un certo senso risulta essere un elemento unificante dell’Europa in quei secoli, una tecnica artistica diffusa dalla Sassonia alla Calabria, con emergenze e stili diversi attraverso le epoche.

Martina Corgnati è curatrice e storica dell’arte. Da molti anni si divide fra l’attività didattica (è docente titolare di Storia dell’Arte all’Accademia Albertina di Torino), le collaborazioni giornalistiche e l’impegno critico: ha scritto fra l’altro per “Arte”, “Flash Art”, “Panorama”, “Anna”, “The Journal of Art”, “L’Indice”, “La Repubblica”, “Carnet Arte”, “Style” di cui è stata consulente di direzione. Attualmente è titolare della rubrica d’arte di “Chi”. Nel campo dell’arte contemporanea, che la occupa maggiormente, è nota per le decine di pubblicazioni, saggi e cataloghi di mostre.

Palazzo Madama – Sala del Senato

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

INFO: 0114429911

Segni 20×20. Rassegna internazionale di arti visive.

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Comunicazione, Dicono di me..., Eventi | Posted on 07-04-2011

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

Sottopongo alla vostra attenzione questa rassegna internazionale di arti visive di cui sono curatore per l’edizione 2011.

.

Segni 20×20

.

Curatore e coordinatore Roberto Mastroianni.

Direzione artistica Delia Gianti e  Mariangela Depiano.

Commissione: Roberto Mastroianni, Angelo Mistrangelo, Alessandro Abrate.

.

Si ringrazia per la disponibilità e il sostegno la professoressa Martina Corgnati.

SEGNI rappresenta: “Il tentativo di aprire una finestra su quella membrana semiotica che istituisce la realtà, che divide l’uomo dall’ambiente, dando forma all’interazione dell’uomo con gli altri uomini e con l’ambiente trasformandolo in mondo. I segni che gli artisti sono chiamati a fare all’interno di una cornice di 20x20cm, rappresentano (dovrebbero rappresentare) quindi la cifra di tutta la concezione artistica e stilista dell’artista, che in questo modo è chiamato a operare una segnatura, capace di “fare senso” e presentare l’artista stesso e la sua concezione del mondo e delle forme che lo popolano e dei linguaggi con cui esse possono essere espresse…” (Roberto Mastroianni, Filosofo e critico d’arte).

La Rassegna 2011, fruirà del prestigioso spazio espositivo del Castello di Rivalta di Torino, in sinergia con la Manifestazione Internazionale Arte Plurale che vede tra i diversi partner i Dipartimenti Educativi dei musei: Castello di Rivoli, Museo d’Arte Contemporanea; la GAM, Galleria d’Arte Moderna di Torino / Fondazione Torino Musei; il PAV / Parco Arte Vivente di Torino; la Fondazione Merz di Torino; la  Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino; il Museo Nazionale del Cinema di Torino; il Kunstmuseum Bonn.

SEGNI 2011 BANDO – scadenza 15 aprile – SEGNI al Castello di Rivalta

Per il BANDO DI PARTECIPAZIONE 2011
RASSEGNA INTERNAZIONALE D’ARTI VISIVE in 20×20 al Castello di Rivalta (To), cliccare qui.

GIORGIO GRIFFA. ALTER EGO 1979-2008

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Eventi, Lo spazio della Polis | Posted on 06-04-2011

Tag:, , , , ,

0

Consiglio a tutti di andare a vedere questa mostra curata dalla mia amica Martina Corgnati.

“Giorgio Griffa ALTER EGO 1979-2008″, da  un progetto IGAV per la Castiglia di Saluzzo a cura di Martina Corgnati, dal 27 marzo al 22 maggio 2011, Castiglia – piazza Castello, Saluzzo (Cuneo).

Giorgio Griffa (Torino 1936) è uno degli artisti italiani più originali e noti della sua generazione per la caratteristica forma di pittura con colori ad acqua, su tele non intelaiate, che produce linee, punti e arabeschi intrecciati con numeri e parole. Le opere di Griffa rompono con la cultura della finestra/cornice e portano il colore nel mondo e con il mondo entrano in relazione in una smania di luce, colore e movimento. Le sue opere si inseriscono liberamente nello spazio, lo occupano e ne fanno un elemento fondamentale per l’espressione: rifiutano la cornice e la rappresentazione e dialogano con le pareti, rompendo la separazione tra quadro e spazio che lo ospita. I suoi arabeschi colorati si inseguono e giocano sulla superficie, esprimendo una gioia del colore e un analisi formale della pittura, che viene scomposta nelle sue parti elementari per entrare in dialogo con la tradizione (specialmente Matisse) e in qualche modo trascenderla in direzione di un dipingere che precede la stessa rappresentazione.

Questa personale nelle parole della curatrice, Martina Corgnati, mostra il percorso dell’artista: “Nella sua perlustrazione, incominciata ormai molti decenni fa e articolata a partire da un ritorno della pittura alle sue componenti costitutive, linea, punto, macchia colorata e tela, intesa come parte integrante dell’operazione pittorica, Giorgio Griffa ha dato forma a un nuovo, inimitabile linguaggio e, al tempo stesso, ha aperto una strada importante non solo alla pittura ma alla pratica artistica in generale, senza stancarsi mai di ripetere che la sua operazione, in fondo, altro non è che la costruzione delle condizioni giuste per permettere la manifestazione della natura stessa delle cose, in presenza di un artista che si comporta non tanto da artefice quanto, piuttosto, da catalizzatore”.

Griffa, da sempre attivo in Piemonte, con questa mostra incanta il suo pubblico con un ciclo (di opere inedite prodotte tra il 1979 e il 2008) composto da 18 grandi lavori dedicati ad artisti, del passato e del presente con cui Griffa si sente in relazione.

Una mostra da vedere, in uno spazio molto importante, curata con raffinatezza ed eleganza.

I SENSI DEL MEDITERRANEO. Bando di selezioni per Giovani Artisti

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Eventi, Lo spazio della Polis, Mondo | Posted on 11-12-2010

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

L’Associazione degli Amici del Museo d’Arte di Tel Aviv, che dal 2001 con la propria attività sostiene il fondamentale ruolo della cultura per la pace in Medio Oriente, ha scelto di festeggiare il proprio decimo anniversario con un’importante iniziativa: una doppia mostra dal titolo Italia-Israele. I sensi del Mediterraneo, patrocinata dall’Ambasciata Italiana e dall’Istituto Italiano di Cultura in Israele, dall’Ambasciata Israeliana in Italia e dalla regione Lombardia.

La mostra è finalizzata a promuovere il dialogo e la conoscenza reciproca tra Italia e Israele, attraverso la rappresentazione e l’interpretazione del tema del Mediterraneo, luogo simbolo dell’incontro tra differenti culture. Un’esigenza che appare più urgente oggi, nell’anno in cui nel nostro paese si festeggia il centocinquantenario della proclamazione dell’Unità nazionale. Un evento senz’altro felice e decisivo per l’ingresso della penisola in Europa e nella modernità, ma che ha comportato anche difficoltà politiche, sociali e culturali importanti e transizioni dolorose e violente, ma necessarie al fine di costruire almeno una base di legalità comune a tutti e una coscienza civica condivisa, indipendentemente dalla provenienza geografica e sociale. Chi ricorda oggi che centocinquant’anni fa gli italiani del sud e quelli del nord non parlavano la stessa lingua, avevano usi e  costumi diversissimi, mangiavano cose diverse e si conoscevano appena? L’anniversario attuale è un’occasione preziosa per ripensare tutto questo: soprattutto insieme ad Israele, paese che a sua volta, nel corso dei sessantadue anni della sua esistenza, ha dovuto affrontare un complicato processo di integrazione e di fondazione di una base di vita e di diritto comune per  tutti i suoi cittadini, indipendentemente dalle loro radici etniche e religiose. Un’esperienza di grande valore e importanza che si volge anch’essa, non a caso, sulle rive di questo Mediterraneo i cui “sensi” vogliamo vivere ed intendere, oggi più che mai come prospettive di cambiamento, di civiltà e di pace.

Gli artisti potranno partecipare con l’invio del progetto di un’opera di pittura, scultura, video o fotografia che rievochi “i sensi” del Mediterraneo, nella doppia accezione di “sensazioni” e “significati”.

La mostra si rivolge esclusivamente a giovani artisti al di sotto dei 35 anni e con nazionalità italiana o israeliana.

La mostra si svolgerà in Italia, a Milano, presso l’Hangar Bicocca; e in Israele, a Tel Aviv, presso l’ex stazione di Jaffa.

La mostra sarà curata dal Prof. Martina Corgnati, curatrice del progetto per conto di A.m.a.t.a. e responsabile in particolare della parte italiana, e dal Prof. Mordechai Omer, direttore del Museo d’Arte di Tel Aviv, responsabile in particolare della parte israeliana.

La Commissione di Giuria Italiana sarà presieduta dal Presidente degli Amici del Museo d’Arte di Tel Aviv, Anna Sikos.

I Membri della Giuria Italiana sono (in ordine alfabetico):

Piero Addis

Jean Blanchaert

Maria Giuseppina Caccia Dominioni

Andrea Fustinoni

Roberto Morese

Giulia Puri Negri

Patrizia Sandretto Re Rebaudengo

La Commissione di Giuria Israeliana sarà presieduta dal Prof. Mordechai Omer e sarà a cura del Museo d’Arte di Tel Aviv.

A conclusione della mostra sarà pubblicato un doppio catalogo.

Per Scaricare il bando clicca qui.