NEW YORK INTERIORS. Sguardi pittorici, fotografici e cinematografici di Pietro Reviglio (testo Critico)

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Critica d'arte e curatele | Posted on 20-03-2013

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

1

 

ny interiors

 

Testo Critico di Roberto Mastroianni 

Dalla logica della scoperta scientifica alla logica della scoperta artistica


10.57Lo “stupore” e la “meraviglia” sono generatori di conoscenza: sono sentimenti, emozioni, passioni che spingono l’uomo alla ricerca e presiedono come numi tutelari, sin da Platone ed Aristotele, al rapporto conoscitivo organizzato dell’uomo. Furono infatti i due filosofi ad individuare in questi due stati d’animo la molla che spinge l’uomo all’interrogazione filosofica, prima, e a quella scientifica dopo. La storia del pensiero occidentale e delle scienze contemporanee parte da là e la filosofia classica ci consegna un’indagine del mondo che affonda le sue radici nello stupore davanti al reale ed alle leggi del suo funzionamento e divenire. La “meraviglia” è nello stesso tempo sensazione che genera domande sul “perché” e sul “come” ed emozione prodotta dall’aver trovato risposte alle domande stesse.  Lo “stupore” è quel sentimento che l’animale umano prova nel preciso istante  in cui il reale sollecita domande e ad esse si trovano risposte che mettono ordine nel caos esteriore ed interiore. Lo “stupore” è il sentimento che gli uomini provano nel momento in cui scoprono che l’apparente illogicità del reale è dotata di senso e significato e che una logica presiede, organizza e muove la realtà.
La “meraviglia” e lo “stupore” sono, però, soltanto una delle due facce della medaglia: sull’altra è impressa “l’inquietudine” e “l’angoscia”. Il duro mestiere di vivere si concentra, quindi, tutto  nell’orizzonte delimitato da questi sentimenti contrapposti e consiste nel “fare senso”: nell’attribuire attraverso articolate narrazioni senso e significato all’apparente insensatezza della  realtà. 
Le scienze, quanto le arti, provano a rintracciare senso e significato in ogni cosa dentro e fuori di noi.  La logica della scoperta scientifica e filosofica (l’osservazione e la narrazione delle leggi che presiedono alla realtà umana e non umana) e la logica dell’arte e delle tecniche (che su questa realtà incidono, rappresentandola e trasformandola) apparentemente contrastano, ma in verità sono complementari, in quanto sempre riportano al fondo scuro dell’angoscia e dell’inquietudine che si nasconde dietro lo stupore e la meraviglia. Alcuni artisti si rendono conto, consapevolmente o inconsapevolmente, che la scienza e l’arte sono pratiche umane molto più simili di quanto sembri e con le loro opere tentano di ricongiungere la conoscenza e l’espressione, l’osservazione analitica e la produzione di narratività emotiva.  Pietro Reviglio è uno di questi: è un uomo di scienza (è un astrofisico), ma è nello stesso tempo un artista e proprio per questo motivo è in grado di coniugare lo sguardo del ricercatore con quello del creatore.
Anzi, per essere precisi, Reviglio era un astrofisico che faceva ricerca sperimentale sulle galassie e sulle strutture a grande scala dell’universo alla Columbia University di New York e che poi ha incontrato sulla sua strada la Arts Students League di New York  e là, tra  le lezioni di Robert Cenedella e Mary Beth McKenzie, ha scoperto che “l’inquietudine” e “l’angoscia”, il lato oscuro dello “stupore” e della “meraviglia”, potevano trovare risposte nella pittura. A quel punto lo scienziato è diventato artista.lady orange

Dall’allievo di Grotz (Cenedella) egli ha appreso una poetica e uno stile post-espressionista di matrice tedesca, che ha piegato alle esigenze dello sguardo addestrato alla ricerca scientifica. Da questa esperienza, capace di cambiare il corso di una vita, nasce una pratica artistica contraddistinta dal regime dello sguardo. Il “vedere”, il più filosofico e scientifico dei sensi,  lo sguardo che indaga le leggi della natura, i tagli di luce che attraversano la realtà, diventa in questo modo il senso con cui l’artista cerca di affrontare la realtà alla ricerca di risultati, che solo la “logica della scoperta artistica” può fornire.
In questo modo lo sguardo del ricercatore ri-orienta la propria attenzione al fine di individuare le leggi strutturali del reale e  portarle a rappresentazione, attraverso un processo poietico ed artistico di natura sperimentale molto simile a quello che il ricercatore usa in laboratorio.
Tutto si tiene, però, e l’arte e la scienza, apparentemente così distanti, si trovano unite sotto lo sguardo dell’artista scienziato.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

I dati forniti dalla “cosalità brutale”, che il fisico osservava ed organizzava in vista della scoperta di teorie generali, capaci di spiegare la realtà e le sue leggi, adesso vengono osservati, in modo tale che il loro naturale organizzarsi porti ad una complessiva rappresentazione del visibile e dell’invisibile. 
“Stupore” e “inquietudine” pongono domande e l’arte trova risposte, là dove la scienza non era più adeguata a rispondere il soggetto smette i panni del ricercatore ed indossa quelli dell’artista.
Per questi motivi,  l’arte di Reviglio può essere definita in qualche modo sperimentale, se per sperimentale si intende l’utilizzo di una pratica induttiva, che diventa regime dello sguardo e della produzione artistica.  Le carte della sua nuova avventura sono tutte sul tavolo, adesso bisognerà aspettare e capire dove il nuovo gioco porterà l’artista scienziato. Una nuova storia inizia qui, bisognerà aspettare e vedere quanto, cosa produrrà, cercando di coniugare “logica della scoperta scientifica” e “logica della scoperta artistica”.


Il periodo new yorkese: dai New York Paintings alle Nocturnal Visions

Fu così che nel ventre della “grande mela (marcia)”, nella New York di inizio millennio, il giovane scienziato si trovò davanti ad un cavalletto, in una scuola d’arte che fa dell’informalità e del rapporto paritario tra artista e allievi i propri tratti caratteristici. Vi era sicuramente un senso di precarietà e di mancanza in quel ragazzo abituato ad osservare le galassie: una mancanza che diventava desiderio e un desiderio vissuto come mancanza.  Il rigore della scienza sperimentale tracciava ordine nel caos esteriore, ma quello interiore rimaneva in movimento e solo la tela vuota permise di rintracciare, di trasformare il caos e l’inquietudine, portando alla scoperta di colori, punti, linee e superfici che prendevano forma e portavano ad ottenere un risultato (l’opera) simile al risultato di un esperimentocondotto in laboratorio.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

 

Cresciuto nello stupore della “logica della scoperta scientifica”, Pietro Reviglio ha trovato una nuova logica della scoperta, quella artistica, da condurre in un altro laboratorio: non più quello della scienza, ma il proprio studio di artista e il proprio spazio di vita quotidiana, la propria metropoli. Tutti gli elementi permanenti e i tratti caratteristici della poetica e dello stile espressivo di Reviglio sono già rintracciabili nelle sue prime opere e nel gesto intellettuale di trasposizione uno sguardo scientifico in una pratica artistica e da qui si dipana in un filo rosso che attraversa tutta la sua opera.
Gli elementi che fanno di Pietro un artista/scienziato sono tutti ascrivibili al regime dello sguardo: è lo sguardo del fisico, che procede ad assemblare elementi comuni e sparsi, in modo che il procedimento induttivo e logico-deduttivo porti a rappresentazione una figurazione dotata di senso; è lo sguardo, abituato ad analizzare la luce e i fenomeni fisici, che scorge nella realtà linee di forza che limitano e strutturano il reale, mostrandole e mettendo in crisi la rappresentazione pittorico e foto-realistica; è lo sguardo che viene accompagnato nei suoi  video a sperimentare volumi, dimensioni, profondità, spazi interiori ed esteriori. Lo sguardo indaga la realtà, penetra il visibile e cerca di rendere ragione dell’invisibile che vi sta dietro, sopra, affianco.

orange_house

Orange House (2007)

In questo modo, a partire da un’ossessione figurativa tipica degli autodidatti, le tele hanno cominciato a riempirsi di elementi di vita quotidiana, di oggetti sparsi ed apparentemente comuni e banali, che trovano collocazione in qualsiasi stanza di un giovane trentenne  in una megalopoli statunitense, dando vita ad un primo ciclo pittorico “The New York Paintings” (2005-2009).
Lo sguardo del ricercatore che si fa artista comincia quindi ad indagare il mondo circostante e lo vede animarsi delle inquietudini profonde che in lui si fanno singolari, ma che in quanto fenomeni umani sono sempre plurali. Gli scorci di città, le stanze di riposo, studio, vita, gli oggetti sparsi (i libri, le lampadine…), gli angoli delle strade, gli amici che diventano inconsapevoli ed involontari modelli: sono tutti questi elementi che Reviglio trova davanti ai suoi occhi e che indaga con lo sguardo del ricercatore, sorprendendosi, che gli elementi si incastrino quasi involontariamente, secondo una loro logica, portando all’emersione una rappresentazione. È questo il momento della scoperta di una logica intrinseca alla rappresentazione stessa che si manifesta coerentemente in un’opera. È questo il momento in cui l’artista può dire : “Io non faccio niente. Io guardo e poi dipingo, ma alla fine il dipinto si è fatto da solo come in un esperimento scientifico. Io so cosa ho dipinto solo alla fine all’inizio metto solo degli elementi che vedo attorno a me e cerco di capire come possano interagire”.
La realtà interiore ed esteriore bussa alla porta dell’artista e cerca con forza di essere espressa, rappresentata.

È questa la fase di dipinti come “Orange House” (2007), “Maureen” (2009), “Red Bulb” (2009), “Voyeurism: My Window” (2007),  quadri in cui la figurazione si presenta come un obiettivo da raggiungere, con ansia, alla ricerca di forme che restituiscano il visibile e l’invisibile della realtà.
Pian piano l’inquietudine prende il sopravvento  e la figurazione viene messa in crisi: le pennellate più spesse, i colori e le emozioni diventano più forti, il tratto più libero e il post espressionismo appreso alla Arts Students League viene superato in direzione di un tratto e di temi specificatamente individuali.

red_bulb

Il punto di svolta, il raggiungimento di una poetica e di uno stile personale si ha con “Maureen” (2009), in cui la figura umana si staglia dando le spalle ad uno specchio, il paesaggio interiore dell’artista si ricongiunge a quello interiore delle stanze newyorchesi, fino ad allora rappresentate attraverso particolari ed oggetti, il volto della donna scompare in un ovale e con esso la sua identità specifica, acquisendo una generalità., una universalità capace di incarnare le inquietudine dell’uomo in relazione al femmineo ed all’intersoggettività prodotta dalla continua interrogazione.

maureen

Maureen (2009)

Questo è il punto di svolta tra il ciclo dei “New York Paintings” e quello delle “Nocturnal Visions” (2009-2011)  che Reviglio inizia in America e continua in Italia e nel quale la figurazione tende a scomparire e gli scorci di città, edifici, elementi architettonici ed urbanisitici, persone, oggetti di uso comune diventano parte di scenari mentali sempre più ristretti e claustrofobici. Gli interni newyorkesi diventano così scenari mentali, in cui gli elementi architettonici rimandano ad un gioco di specchi tra interiorità ed esteriorità e l’inquietudine prende la forma di un articolato vivere lo spazio antropico in modo metaforico e metonimico. È questo il caso di un quadro emblematico di questo periodo dal titolo “10.57 P.M.” (2010), in cui le forme dello spazio architettonico, i limiti e i colori sfumano in un gioco di delimitazione dello sguardo e dello spazio, il cui protagonista è una scala capace di collegare stanze mentali plurime e forse contraddittorie, le cui porte sono rigorosamente chiuse e che lo sguardo è costretto a percorre tra pianerottoli e scalini di forte intensità cromatica.

 

4_31am_600

 

4.31 a.m. (2011)

I “New York Interios” di Reviglio acquistano in questo modo il loro peculiare carattere notturno (la dimensione diurna del primo ciclo di dipinti è definitivamente superata e il punto di svolta è “Maureen”): le stanze mentali sono stanze in cui la notte fa emergere angoscia ed inquietudine e le forme sfumano in pennellate potenti e quasi astratte di colore, come in “4.31 a.m.” (2011), o in cui gli oggetti comuni (un lavandino, uno specchio, una lampada) si presentano come il limite di un disagio, di pulsioni, angosce o speranze, come  confini che delimitano il mondo dell’artista ed arginano il suo travaglio interiore,  come in “1.37 a.m.” (2010) o in “6.04 a.m.” (2011).

 

1.37 a.m. (2010)

In ogni modo la fase newyorkese  ci consegna alcuni elementi che diventeranno costanti della poetica di Reviglio: una certa presenza/assenza del femminile, un tratto spesso, materico, la luce come elemento che delimita, forme falliche che attraversano le sue rappresentazioni e oggetti comuni che diventano parte di una narrazione onirica.

 

 

 

 

L’ARTE DELLO STUCCO IN EUROPA DALLA TARDA ANTICHITÀ ALL’ETÀ GOTICA

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Eventi | Posted on 01-05-2011

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

0

Mercoledì 4 maggio 2011

ore 18

Presentazione del volume

L’ARTE DELLO STUCCO IN EUROPA

DALLA TARDA ANTICHITÀ ALL’ETÀ GOTICA

di Martina Corgnati

Edizioni Quattroemme

Palazzo Madama – Sala del Senato

Piazza Castello – Torino

Con l’autore intervengono:

Giovanna Cattaneo Incisa

Presidente Fondazione Torino Musei

Enrica Pagella

Direttore Museo Civico d’Arte Antica

Enrico Castelnuovo

Scuola Normale Superiore di Pisa

Il volume “L’arte dello stucco in Europa” prende in considerazione per la prima volta in termini sistematici l’intera produzione di stucchi figurati e decorativi ampiamente diffusi nell’Europa antica e medioevale, fra il V e il XIII secolo. Si tratta di decine di fondazioni, quasi sempre chiese, abbazie e ambienti annessi, variamente e riccamente decorati con rilievi e sculture architettoniche in stucco e spesso anche affreschi e mosaici; ambienti che oggi risultano quasi sempre alterati in maniera irreversibile, frammentari e in precario stato di conservazione. Per questo è stato importante tentare una catalogazione degli interventi decorativi in stucco, tale da mettere finalmente in luce il valore artistico e l’importanza storico-culturale di queste preziose creazioni lungo tutti i secoli del Medioevo. Dal Battistero degli Ortodossi di Ravenna fino alle grandi chiese sassoni del XIII secolo si viene così delineando una complessa e ricca geografia degli stucchi che in un certo senso risulta essere un elemento unificante dell’Europa in quei secoli, una tecnica artistica diffusa dalla Sassonia alla Calabria, con emergenze e stili diversi attraverso le epoche.

Martina Corgnati è curatrice e storica dell’arte. Da molti anni si divide fra l’attività didattica (è docente titolare di Storia dell’Arte all’Accademia Albertina di Torino), le collaborazioni giornalistiche e l’impegno critico: ha scritto fra l’altro per “Arte”, “Flash Art”, “Panorama”, “Anna”, “The Journal of Art”, “L’Indice”, “La Repubblica”, “Carnet Arte”, “Style” di cui è stata consulente di direzione. Attualmente è titolare della rubrica d’arte di “Chi”. Nel campo dell’arte contemporanea, che la occupa maggiormente, è nota per le decine di pubblicazioni, saggi e cataloghi di mostre.

Palazzo Madama – Sala del Senato

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

INFO: 0114429911

Gli intellettuali piemontesi si schierano con Bresso, Bairati e Tuccari.

Posted by roberto09 | Posted in Comunicazione, Eventi, Lo spazio della Polis, Politica nazionale | Posted on 26-03-2010

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

0

Tratto dal correriereweb.it di redazione

Il mondo della cultura e dell’università piemontesi sostengono la governatrice del centrosinistra e i candidati consiglieri Tuccari e Bairati alle elezioni regionali del Piemonte.

«Il 28 e 29 marzo 2010 avrà luogo una sfida molto importante per il destino della nostra regione». Comincia così l’appello che ieri una nutrita schiera di intellettuali piemontesi ha pubblicato su «la Repubblica»  e su «La Stampa» per sostenere Mercedes Bresso alla presidenza della Regione e  i candidati Francesco Tuccari e Andrea Bairati della lista «Insieme per Bresso» al consiglio regionale.

Tra i firmatari, uomini del mondo della cultura e dell’università: Massimo L. Salvadori, Gustavo Zagrebelsky, Gian Enrico Rusconi, Furio Colombo, Bruno Gambarotta, solo per citarne alcuni. Le ragioni che hanno spinto gli intellettuali piemontesi a rendere pubblico il proprio orientamento risiedono nella convinzione che alle prossime elezioni regionali si scontreranno «due visioni molto diverse del futuro». «Vogliamo vivere in una regione europea o in una provincia lombarda? Vogliamo investire nella green economy o nel nucleare? Nella scuola pubblica o in quella privata?», si legge nell’appello. E ancora altri interrogativi per la cittadinanza piemontese: «Vogliamo preparare i nostri giovani alla complessità dell’era globale oppure dare loro strumenti anacronistici per far fronte al mondo che verrà? Vogliamo integrare le nuove diversità delle società multietniche e multiculturali oppure condannarci a un destino di conflittualità e insicurezza? Vogliamo offrire ai nostri giovani una vita precaria oppure un futuro stabile e adeguato ai loro talento?». La risposta degli intellettuali piemontesi è a favore di una visione moderna e progressista del mondo, estranea a logiche arcaiche di cui la Lega e il candidato presidente Roberto Cota si fanno portatori. Secondo i firmatari dell’appello, Mercedes Bresso, Francesco Tuccari e Andrea Bairati incarnano bene i valori del progresso e di una sana modernità. Al contrario, si legge sottotraccia nell’appello, le logiche della Lega sono perdenti perchè penalizzano un approccio articolato alle problematiche complesse dell’era globale. E questo il Piemonte non può permetterselo.

Haiti e la lunga notte dei funerali voodoo

Posted by roberto09 | Posted in Lo spazio della Polis, Mondo | Posted on 17-01-2010

Tag:, , ,

0

Haiti è sprofondata nel dolore e nel terrore.

I saccheggi e la violenza sono le costanti del dopo terremoto e tra un po’ anche i nostri sensi di colpa verranno cancellati dal tempo che scorre, in un mondo capace di dimenticare in pochi giorni le peggiori tragedie.

Di seguito troverete due articoli molto belli di Vittorio Zucconi comparsi nei giorni scorsi su Repubblica (per chi non lo avesse capito credo che Zucconi sia un grande giornalista), spero che possano essere utili ad inquadrare il contesto di un mondo lontano e dimenticato.

….

Di seguito: “Il giardino del diavolo”  e “La lunga notte dei funerali voodoo” di V. Zucconi.

Rosarno si abbattono i campi degli immigrati.

Posted by roberto09 | Posted in Lo spazio della Polis, Mondo, Politica nazionale | Posted on 10-01-2010

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

di Carlo Ciavoni ( tratto da www.repubblica.it del 10 gennaio 2010).

ROSARNO - Tutto sommato è  stata una notte tranquilla, quella appena trascorsa. La prima dopo tre giorni in cui, al comprensibile risentimento della popolazione di Rosario contro il degrado atavico della loro città, s’è mischiato il subdolo e bestiale avvertimento della ‘ndrangheta rivolto ai “negri”, che si sono semplicemente ribellati allo stato di schiavitù nel quale sono costretti e che li costringe a  sgobbare 15-18 ore per 2 euro l’ora, nei campi dove si raccolgono arance che nessun altro vuole raccogliere a quel prezzo e, oltre tutto, sbattuti a sopravvivere in veri e propri lager, tuguri indecenti fatti di cartone e platicatra, tra fango e topi.

QUEL RAGAZZO SENZA BRACCIA SUL TRENO DELL’INDIFFERENZA e la nostra risposta alla “zelante capotrena”

Posted by roberto09 | Posted in Dove sono - Appuntamenti, Eventi, Lo spazio della Polis, Mondo, Politica nazionale | Posted on 30-12-2009

Tag:, , , , , , , , , ,

0

tersite-offeso1

di seguito l’articolo di Shulim Vogelmann uscito su Repubblica e la nostra risposta ai zelanti operatori di Trenitalia, insieme ad una vignetta di Tersite.

……

Vi prego poniamo un limite alla deriva morale, politica ed esistenziale che stiamo attraversando.

Il fascismo alla fine non è altro che la legge del più forte, l’idea che vi sia una superiorità genetica, naturale, sulla quale fondare il puro arbitrio, che esaltato come bene collettivo può essere presentato come il proprio dovere.

“Faccio solo il mio dovere”. Che bella giustificazione, guarda caso la stessa che i criminali nazisti utilizzavano durante il processo di Norimberga, o che i soldati di tutto il mondo utilizzano dopo avere perpetrato qualche genocidio. “Facevo solo il mio dovere”, “ubbidivo solo agli ordini”.

Complimenti, zelante capotrena (se un maschio è un capotreno, una femmina dovrebbe essere una capotrena?), da noi nessun encomio però solo un sonoro: “va fa’n culo, stronza!”.

Allora, ricapitoliamo: un ragazzo portatore di handicap, cui mancano le braccia, sale su un treno, non ha potuto fare il biglietto, arriva la zelante capotrena e visto che il ragazzo non può pagare la multa, il sovrapprezzo, lo si fa scendere scortato dalla polizia ferroviaria.

Questo criminale senza braccia, questo handicappato, insomma come si permette di mettersi tra la “zelante capotrena” ed il “perfetto servizio di TrenItalia”,  insomma tutti coloro che salgono su un treno pieno di pulci o perennemente in ritardo di TrenItalia sanno benissimo che il servizio eccezionale e la cortesia del personale di bordo deve essere ripagata con celere rispetto delle regole e se lo “storpio” non ce la fa “va fa ‘n culo lo storpio”.

Insomma, Moretti, non il regista ma l’ex sindacalista che guida TrenItalia, dice che durante le vacanze di Natale prendere un treno è più o meno come imbarcarsi per una traversata nel deserto (bisogna portarsi i panini, l’acqua e poi fare in 5 ore la tratta Torino-Milano)  e poi se un portatore di handicap non riesce a fare il biglietto quella specie di Kapò in gonnella che fa? Chiama la Polfer?

No, dico ci rendiamo conto? Chiama la Polfer?!! E i due zelanti tutori dell’ordine che fanno? Intervengono “come un sol’uomo” a ripristinare l’ordine e la giustizia ferroviaria, imponendo ad un “pericoloso storpio” di scendere dal Bari-Roma ed aspettare il prossimo treno e fare il biglietto alla macchinetta self-service, coadiuvato da un altro “zelante capotreno”.

Insomma, nel Paese della criminalità diffusa l’ordine e la disciplina va ripristinato e da dove cominciare se non dal pericoloso handicappato? Bravi! Bravi! plaudiamo il “rigore morale”.

E se uno dei poliziotti dice:  “Ah, questi, con questi non ci puoi fare nulla altrimenti succede un casino! Questi hanno sempre ragione, questi non li puoi toccare”, lo dice perché sa che gli handicappati sono pericolosi e che li difendono sempre tutti, magari sobillati da pericolosi catto-comunisti.

E poi se un passeggero cerca di difendere lo “storpio” ci si può sempre rifugiare in un: “la risposta del capotreno è pronta: “Voi (voi chi?) pensate che siamo razzisti, ma noi qui non discriminiamo nessuno, noi facciamo soltanto il nostro lavoro, anzi, siamo il contrario del razzismo!”

Bravi e zelanti come i nazisti! A quando l’eugenetica? Ma in fondo fate solo il vostro dovere, poco importa se con questo atteggiamento infangate l’onesto e duro lavoro di dipendenti pubblici e tuttori dell’ordine che con fatica svolgono il lavoro tutti i giorni, quotidianamente, confrontandosi con la criminalità (quella vera) e le storture di un Paese in cui tutto sembra andare alla deriva.

E poi al passeggero che non si fa mai i “cazzi propri”, che si intromette si può sempre chiamare in causa e minacciare di denuncia  perché:  “fatto scendere il disabile dal treno, prima che la polizia abbandoni il vagone, la ragazza controllore chiede ai poliziotti di annotarsi le mie generalità. Meravigliato, le chiedo per quale motivo. “Perché mi hai offesa”. “Ti ho forse detto parolacce? Ti ho impedito di fare il tuo lavoro?” le domando sempre più incredulo. Risposta: “Mi hai detto che sono maleducata”. Mi alzo e prendo la patente. Mentre un poliziotto si annota i miei dati su un foglio chiedo alla ragazza di dirmi il suo nome per sapere con chi ho avuto il piacere di interloquire. Lei, dopo un attimo di disorientamento, con tono soddisfatto, mi risponde che non è tenuta a dare i propri dati e mi dice che se voglio posso annotarmi il numero del treno”.

“Brava  e zelante capotrena”, se il passeggero ti ha dato della maleducata, noi ti diamo della “fascista” e ti mandiamo a “fare in culo” e se vuoi denunciaci pure. Forte con i debole e debole come i forti, perfettamente fascista nel decidere che l’arbitrio istituzionalizzato ti mette dalla parte della ragione.

Per il resto vi prego fermiamoci prima che sia troppo tardi, che questo paese assomiglia sempre di più alla caricatura di se stesso: pizza, mandolino ed il mito degli “italiani brava gente”…

di seguito l’articolo uscito su Repubblica ed una risposta di Altroconsumo al Moretti di Trenitalia.

Rome Noir. I fili sottili della globalizzazione si incrociano sul web e sono parte integrante dell’ultima sfera.

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Comunicazione, Lo spazio della Polis, Mondo, Teoria e critica filosofica | Posted on 16-10-2009

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

2

Molti di noi hanno degli amici.

Molti di noi hanno amici da cui non vorrebbero separarsi.

I più fortunati hanno degli amici brillanti ed interessanti da cui non vorrebbero separarsi.

Io appartengo a quest’ultima categoria.

In parte la fortuna,  in parte le mille attività che porto avanti sono il motivo grazie al quale posso annoverare tra le persone a me care donne e uomini che la globalizzazione porta lontano, disseminandoli nei 4 angoli del globo, tra questi sicuramente vi è Chiara Stangalino.

Chiara non è “disseminata”, in verità abita a Torino, non lontano dai luoghi che vivo e che amo, ma sicuramente è una persona interessante e brillante, da cui non vorrei separarmi: è un’esperta di comunicazione, per molto tempo ha lavorato nell’ufficio stampa di Einaudi, si occupa di arte, organizzazione culturale, traduzione, scrittura ed ha una grande passione per la letteratura, specialmente quella noir.

Tra le sue ultime fatiche la curatela di una pubblicazione di autori italiani (una volta si sarebbe detto giallisti), per una prestigiosa casa editrice statunitense (Akashic books) dal titolo Rome Noir. Questo libro è un po’ una scommessa ed un’ avventura: tenta infatti di rendere accessibili alcuni dei migliori scrittori italiani (Lucarelli, Pincio, Carofiglio…) al mercato anglosassone, chiedendo loro di scrivere racconti noir su una città italiana (Roma).