Rivoluzione facebook, istruzioni per l’uso.

Posted by roberto09 | Posted in Comunicazione, Lo spazio della Polis | Posted on 19-03-2010

Tag:, , , , , , , ,

2

di Pietro Folena (tratto da Epolis del 18 marzo 2010)

Il sorpasso negli USA da parte di Facebook di Google, nell’ultima settimana (considerando i click sulla home page) è solo l’ultima conferma della rapidità dell’esplosione dei social network.

La rete è a una svolta: da straordinario luogo di ricerca individuale (Google) e collettiva (Wikipedia) diventa una forma – talvolta la forma – della socializzazione e della costruzione di comunità.

Ha già conosciuto grandi esperienze politiche vincenti (l’elezione di Obama, in cui i social network hanno giocato un ruolo importante) e ora, come fu per Google anni fa, Facebook conosce una rapida valorizzazione pubblicitaria e economica. Non si può negare il fatto che oggi è sempre più difficile resistere a Facebook, rimanendone fuori, e per chi ha un ruolo pubblico o sociale è praticamente impossibile.

Non va fatta l’esaltazione acritica di questi strumenti, come luoghi assoluti della partecipazione e della condivisione. Hanno due facce. Così è stato per Google: luogo incredibile della ricerca e della conoscenza  (molto affastellata e non critica: ma capace di offrire una quantità di informazioni prima non accessibili) ma anche luogo in cui d’autorità, chi ne detiene il controllo, determina gerarchie delle informazioni e delle notizie.

Così è per Facebook: luogo della condivisione tra amici, e della ricostruzione di relazioni perdute o oscurate, e al tempo stesso gigante digitale capace di detenere in pochissime mani informazioni anche personalissime di 400 milioni di persone (il doppio rispetto a dieci mesi fa). Un po’ luogo della fratellanza, e un po’ Grande Fratello. Ma ciò che va visto, nella rivoluzione digitale  -il cui cuore è la velocità senza precedenti nella trasmissione di dati e di informazioni – è l’opportunità gigantesca di fronte a cui si trova il genere umano: ha a disposizione una tecnologia che può travolgere i fossati antichi e recenti nell’accesso alla conoscenza.

Come ha giustamente detto Fini, a internet, a una visione liberale e libertaria della rete, andrebbe riconosciuto il Premio Nobel per la Pace.

Il vero confine, con cui Zuckerberg (fondatore di Facebook) oggi, come Jobs o Gates ieri si devono confrontare è quello della privatizzazione e della mercificazione della conoscenza: ogni volontà di trasformare la rete in un grande supermercato della cultura e delle idee bloccherebbe la libera condivisione del sapere, e l’opportunità di un effetto moltiplicatore della cultura (giacché il sapere è l’unica merce che, distribuita, non si consuma ma si riproduce), grazie ai social network e ai loro predecessori.

Navigare, o partecipare a queste comunità, richiede forza, spirito critico, autonomia: altrimenti si diventa schiavi di un mercato, non produttori e fruitori di cultura. Insomma: ci vuole consapevolezza per essere protagonisti, e non comparse di queste esperienze così innovative.

Quella destra liberale e democratica che l’Italia non ha mai avuto.

Posted by roberto09 | Posted in Politica nazionale | Posted on 13-12-2009

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

2

Agostino (il filosofo, il santo) diceva che: “il buio è mancanza di luce”.  Per questo motivo basterebbe portare la luce ed il buio sparirebbe…

Stesso discorso potrebbe essere fatto per la vittoria ed ormai il governo ventennale delle destre nel nostro paese… se quello è il buio basterebbe portare un po’ di luce (le idee e le azioni di un centro sinistra capace di stabilità).

La Pdl, infatti, è in subbuglio.

La tenuta della maggioranza è dovuta solamente alla capacittà attrattiva, anche e soprattutto economica, del “cavaliere”, ma a ben vedere negli ultimi 15 anni è sempre stato così e solo l’incapacità delle opposizioni di proporre un’alternativa, di società e di governo, ha permesso alla destre di governare il paese, spingendolo verso una deriva economica e strutturale.

Se non ci fossero state le manovre autodistruttive che hanno garantito le due cadute dei governi di centro sinistra e se ci fossero state azioni legislative e governative adeguate, il berlusconismo sarebbe stato archiviato da un pezzo.

Ma così non è …

Per questo motivo si  è in attesa di una soluzione biologica e non politica “all’anomalia italiana”: il pensionamento di un Berlusconi che non ha alcuna intenzione di essere pensionato dai suoi colonnelli e dai suoi sottopancia…

In questo caos istituzionale e politico, Tremonti e Fini giocano una battaglia in vista della successione al “piccolo monarca di Arcore” e  tra i due competitor il più interessante sembra Gianfranco Fini, che ha messo in campo (negli ultimi 15 anni) una serie di strappi teorici e politici, cui  il corpo dei militanti e dei dirigenti del MSI/AN si sono sempre dovuti adeguare, spesso con 1 oppure 2  anni di ritardo (primo tra tutti la questione ebraica ed israeliana).

Proponiamo di seguito un analisi di Aldo Garzia (tratta da Terra del 6 dicembre 2009), in cui si  ricostruisce storia e profilo di Gianfranco Fini, consapevoli che in questo momento egli si pone come uno dei protagonisti più interessanti del panorama politico italiano.