Luisa Passerini

Posted by roberto09 | Posted in Eventi, Lo spazio della Polis, Teoria e critica filosofica | Posted on 19-12-2010

Tag:, , , , , ,

0

Dopo quarant’anni di insegnamento Luisa Passerini, la “storica delle differenze”, va in pensione. Durante la sua lectio magistralis (16/12/2010) ha raccontato il suo percorso di storica culturale e ha lanciato un grido di allarme per la profonda crisi che l’Università italiana sta attraversando.

A noi piace ricordare il suo magistero attraverso queste sue parole:


“Credo in un nuovo tipo di identità europea cosmopolita, sollecitata da una globalizzazione non più solo economica ma anche culturale e accessibile a chi scelga di diventare europeo anche se non lo è per nascita e formazione”. Un’identità, sottolinea la studiosa, “postnazionale e posteriore rispetto a un universalismo astratto che non teneva conto del corpo, postulando dunque un’uguaglianza tra i soggetti meramente formale, mentre in realtà i corpi femminili o quelli colorati non godevano e ancora non godono degli stessi diritti ‘universali’. Un’identità capace di riconoscere le diverse culture, di favorire l’integrazione delle minoranze, lo stato legale dei rifugiati, e di essere adeguata ad affrontare i problemi di razzismo e discriminazione, di sovranità e cittadinanza”.

La favola è finita

Posted by roberto09 | Posted in Politica nazionale | Posted on 29-05-2010

Tag:, , , , , , , , , ,

0

di Pietro Folena (tratto da Epolis del 28 maggio 2010)

La favola è finita. Dopo aver raccontato per due anni che, grazie alle virtù taumaturgiche del premier, l’Italia era al riparo della crisi, ora il Governo vara una manovra da 24 miliardi, senza precedenti negli ultimi anni.

L’Italia rischia la bancarotta, e i mercati – i grandi poteri finanziari europei – chiedono lacrime e sangue. Berlusconi, respingendo il sacrosanto invito delle opposizioni a presentardi di fronte al Paese con un discorso di verità, manda avanti con non poco cinismo Letta e Tremonti (a quel che si dice protagonisti un durissimo duello sulla manovra) e poi, incassato il sì di Confindustria, della Cisl, della Lega, cerca di riaprire i giochi con Fini terrorizzato da un complotto di Tremonti per un governo di emergenza.

Tutto questo sulle spalle dei cittadini.

La manovra non è manovra espansiva. Nessuno può pensare che riprendano i consumi e cresca il Pil tagliando i salari dei dipendenti pubblici e le pensioni, la ricerca e l’innovazione, o aggravando di nuovi controlli l’attività degli artigiani e delle piccole imprese. La manovra non è manovra equa. 24 miliardi non dovevano venire dal taglio dell’11% delle prestazioni sociali, della sanità, dell’assistenza, riducendo di un mese la durata dell’anno scolastico (come propone il Ministro Gelmini): sono misure classiste e antipopolari, destinate a mandare in bancarotta gli enti territoriali, i più vicini ai cittadini.

Si tratta solo di una manovra recessiva, volta a dire a chi ha in mano il debito italiano che si taglia selvaggiamente. Il Tremonti antiliberista, con venature di sinistra, si è arreso al Tremonti monetarista. Nel mirino il pubblico e i servizi, col plauso di banche, grandi capitali e grande finanza. Questo occorreva all’Italia ora: un discorso di verità in cui accanto ai politici, facessero la loro parte le grandi fortune del Paese: 24 miliardi,e forse più, potevano venire da un aumento del prelievo sullo scudo fiscale, da un contributo di solidarietà dei redditi alti – di tutti- , da una tassazione delle grandi rendite finanziarie e delle grandi proprietà, oltreché dalla sacrosanta lotta a sprechi e ruberie. E così, in un momento difficile per l’Europa (come Napolitano ha detto con forza intervenendo al Congresso Usa), e in una fase di discredito morale della politica, aggravato dall’offensiva sulle intercettazioni dei giorni scorsi, un governo diviso e debole si presenta unito con sotterfugi e doppiezze per una manovra enorme come costi sociali e inutile come volano per riprendere a crescere. Ascoltare i lavoratori e le proteste, quindi, è ora più che un dovere democratico.

E’ la condizione perché, ammesso che la favola è finita, non cominci un incubo senza risveglio.

Zapatero resuscita l’eurosinistra

Posted by roberto09 | Posted in Lo spazio della Polis, Mondo, Politica internazionale | Posted on 06-01-2010

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

1

Vertice con Delors e González per il via al semestre spagnolo: governiamo l’economia

(tratto da La Stampa del 6 gennaio 2010).

Metti cinque socialisti nella stessa stanza per tre ore e scopri che l’Europa ha bisogno di «una politica economica comune» per uscire dalla recessione e limitare gli effetti della crisi che ha colpito il continente. Mettili insieme nel momento in cui decolla il semestre spagnolo alla guida dell’Ue e allora capisci che il premier José Luis Zapatero ha in mente altro che non solo dirigere l’orchestra a dodici stelle. Vuole darle un impulso deciso, dire e fare «qualcosa di sinistra» per un continente in cui l’emorragia di posti di lavoro rischia di creare povertà e scontento. La chiave è una «governance comune», assicura il quintetto. Ovvero mettere insieme tutte le risorse della politica per risolvere i gravi problemi dell’economia.
Si sono visti in mattinata nel Palacio de la Moncloa di Madrid, dal 1977 residenza del capo del governo spagnolo. Si rivedranno ancora, a quanto pare. C’era Jacques Delors, il francese che alla guida della Commissione a cavallo fra gli Anni Ottanta e Novanta ha portato l’Europa al lancio del mercato unico e al Trattato di Maastricht. C’era Felipe González, già premier iberico, poi l’ex ministro Pedro Solbes. Infine Elena Salgado, titolare del Tesoro in carica, e l’ospite Zapatero. Tutti socialisti comunque. Una scelta che salta all’occhio.