L’eredita di Villa Nevski (presentazione del romanzo di Eero Tarasti)

Posted by roberto09 | Posted in Dove sono - Appuntamenti, Eventi, Lo spazio della Polis | Posted on 04-12-2014

Tag:, , , , , , ,

0

Gli amici dell’associazione italo finlandese Minuski hannno organizzato la presentazione torinese dell’ultimo romanzo di Eero Tarasti,  cui sono lieto di invitarvi.

tarast torino

Giovedì 4 dicembre ore 19.00

Presentazione di L’eredità di Villa Nevski di Eero Tarasti (Casa editrice Carabba)

con l’autore e Roberto Mastroianni.

Modera l’incontro Eija Tarkiainen di Minuksi.

Unica data torinese.

Un giovane impiegato di una agenzia viaggi fa, per caso, la conoscenza di una vecchia signora russa che abita in una villa in rovina e che sta scrivendo il romanzo della sua vita. La signora, di nome Sandra, chiede al giovane di trascrivere l’opera ambientata, in gran parte, in un castello dell’Estonia, Villa Nevski. Il romanzo inizia con una cena di fine estate organizzata proprio a Villa Nevski, alla quale partecipano familiari e amici provenienti da vari paesi d’Europa. I protagonisti parlano molte lingue e sono personaggi grotteschi, umoristici, a volte tragici e ribelli; non mancano i conservatori, qualche intellettuale e un artista famelico di fama. Attraverso le vicende e i dialoghi dei protagonisti, emergono i valori europei e come essi si siano preservati o distrutti o trasformati nel corso del ’900. La vicenda è ambientata tra la Villa in decadenza, la Parigi degli Esistenzialisti, il Brasile e la Siberia. L’aspetto epico e il racconto si armonizzano e si completano in un inaspettato epilogo.

Eero Tarasti (1948) è professore di Musicologia all’Università di Helsinki dal 1984, fondatore e direttore dell’International Semiotics Institute (ISI) di Imatra dal 1988 e presidente dell’IASS-AIS (International Association for Semiotic Studies) dal 2004. Ha pubblicato Myth and Music (1979, trad. francese 2002), Heitor Villa-Lobos (1985), A theory of Musical Semiotics (1994, Sémiotique musicale 1996), Existential Semiotics (2000), Signs of Music (2002, I segni della musica 2009), Fondamenti di semiotica esistenziale (Laterza 2009).

AQUAE MUNDI

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Critica d'arte e curatele, Dove sono - Appuntamenti | Posted on 10-11-2014

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

26441-Fukushi_Ito

Dal 08 Novembre 2014 al 30 Novembre 2014

TORINO

LUOGO: QC Terme Torino / FusionArt Gallery / Inner Space / Para Photo Festival Torino

CURATORI: Roberto Mastroianni, Walter Vallini

TELEFONO PER INFORMAZIONI: +39 338 6104031

E-MAIL INFO: info@innerspace17.com

SITO UFFICIALE: http://www.innerspace17.com

 

COMUNICATO STAMPA: ”Aquae mundi” intende presentare uno spaccato del mondo artistico italiano e internazionale attraverso un’esposizione tematica di opere inedite, che hanno come tema “L’ACQUA”, intesa come “bene comune”, “oro blu”, “sorgente di vita”, principio fisico e spirituale”, “elemento culturale e naturale”.
Gli artisti selezionati dai curatori saranno chiamati a lavorare su un tema comune ( l ‘acqua ) esprimendosi attraverso linguaggi, tecniche artistiche e prospettive culturali e offrendo in questo modo interpretazioni del tutto originali di un elemento apparentemente comune. Si immagina il coinvolgimento di artisti divisi tra “senior” e “young”, in modo che le differenze generazionali, insieme a quelle culturali, di nazionalità e di linguaggio artistico e mezzo espressivo possano rendere la complessità degli approcci ad un tema come quello dell’acqua che si presenta come il catalizzatore di riflessioni su:
stili di vita e la loro sostenibilità;
il suo valore economico, umano e sociale;
forme di spiritualità e materialità consapevoli ( il rapporto culturale e religioso e l’acqua intesa come fonte di vita o elemento cosmogonico);
temi politici con riferimento all’attuale dibattito su acqua, beni comuni e sostenibilità.
Tutti temi di stretta attualità in vista dell’EXPO 2015.
La parte dedicata alle installazioni sarà in esposizione presso la sede di QC Terme Torino.
Nella sezione fotografica della mostra esporranno ” Quelli di Franco Fontana”, un gruppo di allievi autori che hanno frequentato il workshop “Colore e Creatività” e che Franco Fontana, uno dei protagonisti assoluti della fotografia italiana del dopoguerra, ha selezionato nel corso degli anni.Elenco Artisti “Quelli di Franco Fontana”:
Dario Apostoli
Michele Berti
Francesco Brancaccio
Luca Brezigar
Fausto Corbetta Fausto Corsini Carolina Cuneo Giorgia Draisci Mauro Faletti Massimi De Gennaro Tea Giobbio Silvia Dominici Giuliana Mariniello Elena Melloni
Alex Mezzenga Roberto Mirulla Michela Petti Marina Rossi Roberto Salgo Maria Silvano Andrea Simeone Franco Sortini

Elenco artiisti installazioni:
Tegi Canferi
Giu.ngo.Lab
Fukushi Ito
Robert Lang Chen Li
Matteo Mezzadri Walter Vallini

Opening 8 novembre 2014
Fusion Art Gallery fino al 30/11
Innerspace fino al 11/11
Per gli ospiti del QC Terme Torino fino al 30/11
Visual presso Festival Para Photo fino al 10/11

Lectures at The University of Helsinki

Posted by roberto09 | Posted in Dove sono - Appuntamenti, Teoria e critica filosofica | Posted on 24-10-2014

0

GUEST LECTURES BY ROBERTO MASTROIANNI AT THE UNIVERSITY OF HELSINKI

Existential Semiotics and  Philosophy ofEexistence

Monday October 27, 2014
at 6 p.m.
in Topelia, Unioninkatu 38, lecture room C120

FREE ENTRANCE

-

Image and Imaginary. Sense and Meaning in the Borders of Representation

Wednesday October 29, 2014
at 6 p.m. for the “Saloon of Semioticians”
in Topelia, Unioninkatu 38, lecture room C120

FREE ENTRANCE

-

The lecturer

Roberto Mastroianni is a philosopher, curator and art critic and an
independent researcher in semiotics, philosophical aesthetics and
language philosophy at the University of Turin. He studied philosophy
with Gianni Vattimo and Roberto Salizzoni at the University of Turin
where he received his Ph.D. in Language Philosophy and Communication
Studies under the supervision of Ugo Volli. He works on language
philosophy, philosophical aesthetics, semiotics, general theory of
politics and communications. He curated and published books, essays and
articles on philosophy, art, communication and politics. He curated
several contemporary art exhibitions in museums and lectured in several
universities in Italy and abroad.

La periferia incontra la metropoli. Incontro con Hannu Kahakorpi

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Dove sono - Appuntamenti, Eventi | Posted on 21-10-2014

Tag:, , , , , , , , , , ,

0

kahakorpiuniv

Altera presenta il secondo appuntamento sulla Finlandia contemporanea, con un’iniziativa incentrata sul cinema finlandese che avrà come ospite Hannu Kahakorpi, regista e docente di Produzione televisiva e cinematografica presso la Lapland University.

Kahakorpi è autore di numerose serie televisive e ha collaborato con numerosi artisti, tra i quali i fratelli Kaurismäki: proprio con Aki Kaurismäki, Kahakorpi ha realizzato il film Dirty Hands (1989), inedito in Italia, del quale in questa occasione verranno proiettati alcuni spezzoni.

Ad accompagnare il regista finlandese ci saranno Antonio Santangelo, docente di Semiotica della televisione presso l’Università degli Studi di Torino e Roberto Mastroianni, filosofo e critico d’arte, Presidente di Altera.

L’iniziativa si inserisce come evento speciale all’interno del Moving Tff, e si svolgerà il 22 ottobre alle ore 18.00 presso l’aula 9 di Palazzo Nuovo (via Sant’Ottavio 20, Torino).

Sarà presente la traduzione finlandese italiano.

Per ulteriori informazioni: info@alteracultura.org.

Dream of Love… (la mostra)

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Critica d'arte e curatele, Dove sono - Appuntamenti, Eventi | Posted on 08-10-2014

Tag:, , , , , , ,

0

marilyn gagliano 

Dal 10 ottobre al 5 novembre 2014

.

Inaugurazione venerdì 10 ore 17.00

Ven. sab. dom. dalle 16.00 alle 19.00

Mostra a cura di Roberto Mastroianni

.

Ingenio Arte Contemporanea
Corso San Maurizio 14/e Torino
Apertura su richiesta dal martedì al sabato, dalle ore 9.00 alle 19.00, orario continuato.
Telefono 011 883157- ingenio@comune.torino.it

in collaborazione con

 

Studodieci/not for profit/citygallery/VC

Via Galileo Ferraris 98- 13100 Vercelli

www.studiodieci.org

“Queste immagini di Rosetta, ispirate ad uno dei servizi fotografici più famosi dedicati alla star hollywoodiana (Marilyn Monroe), vogliono dimostrare che anche tra le pieghe della disabilità si possono trovare numerosi elementi capaci di far emergere la sensualità di una donna: uno sguardo accattivante e trasognante, una bocca socchiusa che cela una sorriso appena accennato.
E se invece di un candido letto o di una comoda poltrona ci fosse una sedia a rotelle? Tutti questi elementi non cambierebbero il risultato finale, purché chi guarda riesca ad andare oltre quelle barriere che ostacolano i rapporti e cementano i pregiudizi…ma che in realtà sono solo un piccolo pezzo di un grande puzzle che se guardato per intero restituisce una immagine bellissima e sensuale” (Salvatore Giò Gagliano).

Salvatore Giò Gagliano: educatore, arte terapeuta e fotografo propone una re-interpretazione della storia dell’arte, con immagini capaci di includere la relazione tra iconografia classica e differenza psico-fisica, grazie a Rosetta la straordinaria interprete della comunità “Muni Prestinari” dell’ Anffas di Vercelli.

Una collaborazione con Studodieci/not for profit/citygallery/VC http://studiodiecivercelli.org/

Ingenio Arte Contemporanea
Corso San Maurizio 14/e Torino
Apertura su richiesta dal martedì al sabato, dalle ore 9.00 alle 19.00, orario continuato.
Telefono 011 883157- ingenio@comune.torino.it

Fontewww.comune.torino.it/pass/ingenio

Tea Taramino. “Sulla soglia”. Sculture e installazioni. Una selezione dal 2004 al 2014 (la mostra)

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Critica d'arte e curatele, Dove sono - Appuntamenti, Eventi | Posted on 01-10-2014

Tag:, , , , , , , , ,

0

tea sulla soglia studio dieci

Inaugurazione venerdì 3 ottobre

 

TEA TARAMINO. “SULLA SOGLIA”

Sculture e installazioni. Una selezione dal 2004 al 2014

A cura di Roberto Mastroianni per studiodieci

Rassegna KatastrofèLa crisi e le sue forme

 

Dal 3 al 26 ottobre 2014

Inaugurazione venerdì 3 ore 18.00

Ven. sab. dom. dalle 16.00 alle 19.00

Studodieci/not for profit/citygallery/VC

Via Galileo Ferraris 98- 13100 Vercelli

www.studiodieci.org

guardiania a cura dell’ANFFAS di Vercelli

spazio senza barriere architettoniche

è possibile toccare alcune opere 

ECCELLENZE ILLUMINATE. LIGHT COMMUNICATION IN ART & DESIGN

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Dicono di me..., Dove sono - Appuntamenti, Eventi | Posted on 07-07-2014

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

0

eccellenze 7luglio

 

Dal 07 Luglio 2014 al 07 Luglio 2014

MILANO

LUOGO: Accademia di Belle Arti di Brera

TELEFONO PER INFORMAZIONI: +39 02 869551

E-MAIL INFO: adele.olivieri@tiscali.it

SITO UFFICIALE: http://www.accademiadibrera.milano.it/

 

La presentazione dell’Art-Book segue la Mostra tenutasi dall’8 al 13 aprile presso gli spazi pubblici dell’Accademia di Brera. Un Progetto nato dalla volonta’ di rappresentare, tramite l’interpretazione di artisti, “oggetti d’uso comune”, realizzati da eccellenze industriali e artigianali per elevarli a “simboli d’Arte”, attraverso un nuovo modo di essere protagonisti. Questa Mostra, diventa espressione di un innovativo approccio di comunicazione in cui il design e lo stile assurgono a “vere” Opere d’Arte illuminate da un particolare progetto di “comunicazione illuminotecnico”. Importanti artisti del gruppo “Quelli di Franco Fontana” – allievi del grande Maestro, eccellenza della moderna cultura italiana – hanno espresso e interpretato gli importanti marchi accuratamente selezionati per la loro particolare attenzione e sensibilita’ alla raffinatezza progettuale, esecutiva, ai valori e alla tradizione culturale di cui sono fieramente intrisi: Astor doors, Bike4light, Cordivari Design, Dyson, Cantine Giorgi, Enrico Cassina Manufactured by Officine Meccaniche Porro, Poltronova, Promemoria, Rubinetterie Stella, Kreoo.
La luce rappresenta la metafora del mettere in evidenza e dello scoprire i particolari e i dettagli più intimi, magari inespressi, di ciò che gli oggetti ci rappresentano e il progetto di luce ne amplifica la potenzialità comunicativa. La Mostra d’Arte “Eccellenze illuminate” esprime questo messaggio dualistico che intende mettere in risalto sotto una “nuova luce” quanto di meglio oggi le eccellenze produttive sono in grado di esprimere: se stesse e la nuova visione di comunicare con i propri pubblici attraverso il linguaggio colto, libero ed eclettico qual è quello dell’Arte Contemporanea.  Un Progetto complesso e articolato che ha richiesto un attento studio di Lighting Communication & Light Engineering in collaborazione con l’azienda DGA specializzata in prodotti e corpi iluminotecnici di alta qualita’, nonchè capacita’ multidisciplinari per equilibrare stili, oggetti, dimensioni, e soprattutto spazi, trasformandoli in un ”unicum d’Arte”. Un Progetto ideato per accogliere il visitatore in un’atmosfera quasi monografica sul tema a cui hanno congiuntamente lavorato bevisible+ e PLAN. Il curatore culturale PH.D. Roberto Mastroianni ha selezionato i Marchi di eccellenza e gli artisti coinvolti. Tre innovativi architetti hanno diretto il Progetto: Walter Vallini, architetto e designer di formazione artistico-progettuale, Lorenzo Polla e Chiara Bertolaja architetti e light designer, coadiuvati dal prof. Antonello Andrea D’Egidio, professore in comunicazione istituzionale e culturale.
TEMA EVENTO DI PRESENTAZIONE: ECCELLENZE ILLUMINATE: Intersezioni tra Arte e impresa e il “nuovo mecenatismo”. Il meeting focalizza l’incontro tra “anime illuminate” che scelgono di comunicare attraverso l’Arte Contemporanea. Ossia attraverso un linguaggio universale diverso, dirompente e allo stesso tempo prestigioso, che offre “nuove e impensate” aree di dialogo con appassionati, professionisti e opinion leader del settore design e della cultura in generale. E’ questo lo spirito dell’incontro o meglio “l’intersezione” tra Arte e “imprese di eccellenza” che scelgono media eccellenti per comunicare – l’Arte appunto. E in tutto ciò prende forma il cosiddetto “nuovo mecenatismo” ossia l’impresa che non sponsorizza l’Arte ma bensì la sostiene, la stimola, la sviluppa come “missione sociale” dettata dal progresso intellettuale contemporaneo. Aziende, artisti e intellettuali uniti dal “livore” del miglioramento culturale che attraverso Eventi d’Arte formano, magari anche inconsapevolmente, nuove coscienze sociali.
La “luce” diventa il punto fermo di riferimento che illumina menti e oggetti, raccontando le forme attraverso una rappresentazione di chiaroscuri che permettono scenografie “essenziali” senza orpelli superflui in un’epoca contemporanea in cui anche l’eticismo dei costi fa la differenza per i moderni mecenati.

 

CATALOGO D’ARTE E PROGETTO EDITORIALE

La Mostra è stata interamente documentata con immagini e testi nel volume “ECCELLENZE ILLUMINATE” curato da Antonello Andrea D’Egidio, Roberto Mastroianni e Walter Vallini con il contributo del Maestro Franco Fontana per – Altralinea Edizioni (Firenze) – sezione “Intersezioni”. Il libro verra’ distribuito e diffuso presso le migliori librerie in Italia e all’estero.
L’Art Book si struttura in tre parti: la prima dedicata ai contributi culturali seguita dallacsezione dedicata ai “Marchi eccellenti” e ai loro oggetti interpretati dagli artisti, quindi una parte conclusiva dedicata alle opere d’Arte del gruppo “Quelli di Franco Fontana”. Il volume “ECCELLENZE ILLUMINATE” verra’ presentato alla stampa il 07 luglio presso l’Accademia di Brera alla presenza dei curatori, delle autorita’ accademiche di Brera, dei giornalisti e dei rappresentanti delle imprese partner.
Programma di Eccellenze illuminate. Intersezioni tra Arte e impresa e il “nuovo mecenatismo” (inocontro del 7 luglio 2014).
11.30 Accrediti
11.45 Apertura lavori
Introduzione
Antonello Andrea D’Egidio – Communication director della Mostra
Roberto Mastroianni – Curatore della Mostra
Walter Vallini – Art Director e Curatore progetto Mostra
Luigi Erba – Critico d’Arte
Filippo De Filippi – Curatore progetto studenti dell’Accademia di Belle Arti di Brera
Adriana Toti – Altralinea Edizioni (Firenze)
Cristina Trivellin – DARS
Ringraziamenti
13.00 Light Lunch
13.45 Saluti e consegna libri

Street Art. Detroit-Torino: dall’industria al colore.

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Dicono di me..., Dove sono - Appuntamenti, Eventi | Posted on 29-06-2014

Tag:, , , , , , , , , , , , , ,

0

Il 2 luglio 2014 alle ore 20.00 parteciperò a questa tavola rotonda sui temi della Street Art, della città e della scrittura e riscrittura della testualità metropolitana, presso i locali dell’Associazione “Tavolo Lungo” in via Treviso 45B a Torino.

STREET-DETUR-01

 

OVER THE WALL – portraits of street artists

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Critica d'arte e curatele, Dove sono - Appuntamenti | Posted on 23-06-2014

Tag:, , , , ,

0

10473562_10204065469824912_3728993432006643015_o

Presentazione del libro ed esposizione del progetto fotografico “OVER THE WALL” di Livio Ninni Photography.

 Inaugurazione Mercoledì 25-06-2014 alle 18:00

 Fusion Art Gallery

 Piazza Peyron 9/g Torino

OVER THE WALL – portraits of street artists | A cura di Roberto Mastroianni.

E’ un progetto fotografico di Livio Ninni che consiste in una serie di ritratti ad alcuni dei maggiori esponenti della street art in Italia.
I ritratti sono stati realizzati nei laboratori/studi degli artisti  in varie città italiane.

Livio Ninni nasce a Moncalieri (TO) il 25 Maggio 1989.

Durante il conseguimento del diploma inizia ad avvicinarsi alla fotografia, imparando le tecniche basilari da autodidatta. Nel 2009 decide di intraprendere la carriera universitaria iscrivendosi alla Facoltà di Scienze della Comunicazione. Impara quindi i primi aspetti generali della comunicazione utili per i suoi progetti futuri. Durante il primo anno di università frequenta anche un corso di fotografia presso PH Libero, dove ha potuto imparare nel dettaglio tecnica e teoria fotografica. Dopo due anni interrompe la sua carriera universitaria per dedicarsi totalmente alla fotagrafia. Inizia nel 2011 a lavorare come assistente per il fotografo Paolo Ranzani, dove ha potuto imparare molto sulla fotografia  professionale, mettendo anche in pratica le conoscenze precedentemente acquisite. Nell’ Ottobre del 2012 finisce il suo percorso lavorativo/formativo come assistente fotografo, inizia quindi ad avere i suoi primi clienti. A dicembre del 2012 inizia un corso professionale di web design finito nel Maggio 2013, dove gli viene rilasciata la qualifica come operatore grafico multimedia e web design. Da questa esperienza ne ricava conoscenze molto utili che spaziano dalla comunicazione visiva, alla grafica e al web design. Nel Novembre del 2013 viene eletto vincitore assoluto del contest nazionale di fotografia “Nikon Talents”, con tre ritratti tratti dal suo progetto personale “Fuori di testa – Oltre al muro”.

Roberto Mastroianni è filosofo, curatore e critico d’arte, ricercatore indipendente di semiotica, estetica filosofica e filosofia del linguaggio presso il C.I.R.Ce (Centro Interdipartimentale Ricerche sulla Comunicazione) del Dipartimento di Filosofia dell’Università degli Studi di Torino. Laureato in Filosofia Teoretica, sotto la supervisione di Gianni Vattimo e Roberto Salizzoni, è dottore di Ricerca in Scienze e Progetto della Comunicazione, sotto la supervisione di Ugo Volli. Si occupa di Filosofia del Linguaggio, Estetica filosofica, Teoria generale della Politica, Antropologia, Semiotica, Comunicazione, Arte e Critica filosofica. Ha curato libri di teoria della politica, scritto di filosofia e arte contemporanea e curato diverse esposizioni museali. Ha tenuto seminari in differenti Università italiane e straniere.

“Arte-ficio. Trasfigurare la comunicazione” (la mostra)

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Critica d'arte e curatele, Dove sono - Appuntamenti, Eventi | Posted on 11-05-2014

Tag:, , , , , , ,

0

135465_10203690014669948_2250757692833101593_o

trasfigurare la comunicazione

ARTE – FICIO”

Arte, comunicazione, linguaggi ed iconografie dei poteri dagli anni settanta ad oggi, nel percorso artistico di

ETTORE PASCULLI e GIULIANO GALLETTA

A CURA DI ROBERTO MASTROIANNI

PALAZZO DUCALE DI GENOVA – LOGGIA DEGLI ABATI

DALL’ 08 AL 29 MAGGIO – INGRESSO LIBERO

Aperto tutti i giorni dalle 14 alle 19

La mostra espone la ricerca artistica e il percorso culturale di Ettore Pasculli, un protagonista della rivolta creativa degli anni settanta a Milano, arricchiti e messi in relazione con quelli del genovese Giuliano Galletta, proponendo una panoramica emblematica della loro più che quarantennale carriera artistica. L’esposizione mostra e svela un interesse per l’iconografia del corpo e del potere, dei “segni”, l’immagine, il suo statuto disciplinante e la sua natura politica, tutte questioni che si pongono come fondamentali per la comunicazione, l’arte, lo spazio pubblico e le sue dinamiche a cavallo tra il XX e il XXI secolo. All’estetizzazione della società i due artisti hanno contrapposto una politicizzazione dell’arte espressa attraverso la scrittura e la manipolazione delle immagini. Si può affermare senza dubbio che nell’officina dell’arte e della comunicazione cui Pasculli ha dato vita siano state messe in discussione le pratiche artistiche e le strategie dell’informazione, il valore delle immagini e della rappresentazione dell’umanità; tutto ciò l’ha portato alla consapevolezza che il valore disciplinante delle immagini è prima di tutto antropologico e che il disciplinamento politico è solo una parte dell’azione portata avanti dalla rappresentazione e dall’auto-rappresentazione della corporeità e del potere.

L’incontro tra l’artista milanese e quello genovese è stato reso possibile dalla disponibilità di “Palazzo Ducale Genova. Fondazione per la cultura” ad accogliere l’esposizione museale dal titolo “Arteficio. Arte, comunicazione, linguaggi ed iconografia del potere dagli anni Settanta ad oggi”, ospitata nei prestigiosi spazi di Palazzo Ducale di Genova (“La Loggia degli Abati”, a cura di Roberto Mastroianni e con un progetto allestitivo di Walter Vallini, maggio 2014).
La mostra, divisa in due sezioni di carattere antologico, ha messo a confronto una selezione del corpus delle opere di Ettore Pasculli e Giuliano Galletta, proponendo un percorso nella loro pluriennale carriera artistica, e in questo modo ha restituito il filo rosso della loro poetica e sperimentazione su materiali, codici e linguaggi, nell’arco di tempo che intercorre dal periodo della stagione della “rivolta creativa” (1968-1980) alle loro attuali ricerche sulla rappresentazione/auto-rappresentazione della soggettività, in relazione ad alterità e crisi del soggetto e delle istituzioni sociali, e all’iconografia del corpo e del potere.
L’esposizione ha proposto pertanto un excursus nella storia e nella ricerca artistica di Ettore Pasculli, a partire dagli anni dell’esperienza milanese del “Laboratorio di Comunicazione Militante”, di cui E.P. è stato fondatore insieme a Brunone, Columbu e Rosa, e della “Fabbrica di Comunicazione Militante” di San Carpoforo a Brera, fino al contemporaneo interesse per l’arte visiva, il cinema sperimentale e le retoriche di costruzione dell’identità individuale e collettiva. L’immagine emersa come risultato di questo viaggio creativo, politico e concettuale è stata messa in dialogo con la produzione di Giuliano Galletta, un artista visivo, scrittore e giornalista genovese, che rappresenta a tutti gli effetti un altro caso esemplare, nel panorama italiano, di benjaminiana “politicizzazione della politica” in risposta all’estetizzazione diffusa della “società dello spettacolo”.
La sezione dedicata a Giuliano Galletta propone infatti stralci della trentennale ricerca portata avanti dall’artista genovese sul “soggetto”, sulla sua assenza/mobilità instabile, sulla sua costruzione e sui linguaggi visivi e scritturali, a partire dalla collaborazione con Edoardo Sanguineti per arrivare all’ultima sperimentazione sul “romanzo visivo” e il “museo del Caos”. Entrambi gli artisti portano avanti una critica decostruente alle retoriche della naturalità e della reificazione, attraverso le quali i poteri e la società mettono in forma l’umanità singola e associata. Come allievi ideali di Guy Debord, Roland Barthes, Michel Foucault, Marcel Duchamp, e Walter Benjamin, entrambi riconoscono al détournement e al bricolage concettuale ed espressivo un potere di smascheramento delle strategie di comunicazione e assoggettamento che riproducono impostazioni e rapporti di forza imposti dalle narrative sociali. Attraverso il foto-ritocco, il citazionismo e il mélange dei linguaggi, dei materiali e dei codici essi rivendicano per la sperimentazione artistica il valore critico di riappropriazione della propria individualità, libertà e possibilità e in qualche modo operano attraverso una “politicizzazione dell’arte” per contrastare l’estetizzazione della società dello spettacolo.