PERSONA – In the space and in the time by FUKUSHI ITO

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Critica d'arte e curatele, Eventi | Posted on 24-06-2017

Tag:, , ,

0

 web-invito-970x350

“Persona”. In the space and in the time is a solo exhibition by Fukushi Ito which is, in many respects, a retrospective. Promoted by the MetaMorfosi Association, the exhibition is being hosted by the MetaMorfosi Art Gallery in Amalfi in the prestigious spaces of the Arsenal of the Amalfi Republic.  Though not an explicit theme the show does possesses an anthropological dimension which has always played an important role in this artist’s work.

Fukushi Ito is a Japanese artist who has lived and worked for over 30 years between Italy and Japan, developing her research and poetic language at a crossroads of different spaces and different times (two homelands, different languages, different symbolic and material contexts), taking on the challenges of contemporaneity, attempting to convey the contradictions of the present through the specific codes and innovations of artistic experimentation in a global context.  For many years, through cycles of works that all bear the same title In the space, in the time, she has devoted herself to an artistic investigation into the relationship between spatiality, temporality, light, shadow, form, energy, matter and the existential condition of man.  In these cycles she has undertaken her own personal exploration of the universe: seeking  conditions for the possible presence of things in space and time and the existential and cultural statute of the human being.  As we have already said on other occasions[1], for Ito “space” and “time” are dimensions of ontological and existential identity that interact with both individual and collective memory, allowing for the acquisition, preservation and re-elaboration of one’s own heritage of values and culture.  Her own artistic background bears witness to this:  starting from traditional Japanese painting, where washi (handmade vegetable fibre paper) and natural pigments provide the material support for gestures conveying the symbolic essence of things through simple and refined strokes.  She took on board the teaching of Japanese tradition: first and foremost the “Rimpa School”, which focuses on the synergy between decoration and painting and the symbolic value of material, and the world of Katsushika Hokusai, featuring a light but powerful manner of representing figures in space, giving birth to concretely pictorial images of the “fluctuating world”.  Upon her arrival in Italy, Fukushi took her distance from this tradition almost immediately.  An artistic journey began where ancient and contemporary materials were combined and integrated: washi and pigments united with photo images, realistic videos, plexiglass, transparent film, neon and LED lights to create complex installations which overcame the visual dimension emerging in spatiality.  Clearly, the artistic relationship between Western and Japanese culture has many 20th  century precedents – consider the explicit Japanese influence in Art Nouveau and Art Deco or the Fluxus movement.  However, the specific point of Fukushi Ito’s research lies in having achieved a particular adaptation/translation of Japanese style and themes into codes and languages that are extremely up-to-date and artistically contemporary.  Moreover, in Ito’s poetic language the themes of temporality and spatiality, the attention paid to light and materials, feature constant anthropological consideration.   It is always implicit though essential, and it emerges explicitly in its full potency in works such as those exhibited here, where the human takes on the role of an “exemplary figure” in an ontological and anthropological state[2].   When we examine it closely, this interest in what is human, understood in the multiple sense of “person”, “character” and “exemplary figure”, capable of incarnating a socio-historical and existential condition and a model of humanity for future generations (leading to representation of the iconic power inherent when tradition encounters innovation), has been present since the outset of our artist’s career.  In 1984 for example, together with other Japanese artists working in Italy and Japan, Fukushi founded “Group Sou” which put on an installation in 1987 for the “Group Art Work” section of an international exhibition organised in conjunction with Manifesta 8.   Entitled “Progetto Persona”, it was an environmental installation of different coloured triangular prisms which took their form from the Japanese ideogram indicating the concept of “person” (人).  This early work with its clear anthropological references, already employed expressive codes that were to become typical of her poetic language, the critic Pierre Restany described it as highly systematic, symbolic and universal[3].  Over the following years, Ito devoted the greater part of her creative energy to investigating the nexus between spatiality and temporality in installations and photographic artworks.  Nonetheless, she never completely abandoned her interest in the human and its exemplarity, it resurfaced in works dedicated to figures who have been fundamental to her for biographic, socio-historical or artistic reasons.   These “exemplary figures” with whom Fukushi has established a dialogue over the decades, have always had a specific socio-historical identity: great creators and innovators capable of taking on and overcoming the traditions they upheld.  Essential metaphors therefore of a given epoch, a social or material condition and crucial discourse on the world and its transformation – whether they be historical figures (e.g. Machiavelli) or contemporary artists or intellectuals (e.g. Gillo Dorfles, Lucio Fontana, Bruno Munari…).  They all stand as emblems of certain specific cultural contexts and have played an important role in her personal and artistic development, moreover, they have left their mark on the cultural and social landscape that defines our globalized age.  In this artistic operation, which gives birth to installations of composite materials and languages,  there is an awareness that it is not only the world which takes form and emerges from the opening of space-time, but it is, above all, individual personalities that have the capacity to lend form to themselves and embody elements of innovation, fracture and the conservation of memory, and cultural, social, artistic and intellectual tradition.  There are many personalities with whom Ito has engaged over the years, they include: Miyamoto Musashi, the great samurai from the Edo period; Korin Ogata, a painter from the Rimpa School; the Ukiyo-e painter Katsushika Hokusai;  novelist Junichiro Tanizaki; Yukio Mishima; Paolo Uccello; Piero della Francesca; Leonardo da Vinci; Niccolò Machiavelli; Lucio Fontana; Bruno Munari; Oriana Fallaci; Gillo Dorfles… figures who are all “exemplary” and “emblematic”, in some way “exceptional” in their historical impact, biographies and output.  They stand as points of reference within a tradition that either stems from their work or else they have reached, in their creativity, an specific apex in expression and achievement.   The iconic nature of these works is obtained through the superimposition of realistic photos of landscapes, the individuals themselves, reproductions of their writings and works; they give rise to “virtual landscapes” that create a “dilated reality”, also thanks to digital images drawn from the web and television.  The saturation and superimposition of images, their projection into the exhibition space, thanks to lights mounted inside polyhedron-shaped installations, creates a sensation of immersion in a contemporaneity inhabited by images and figures that surround our existence and constitute the connective tissue of the globalized world.  As a counterpoint to these iconographic works we have sculptural installations which by juxtaposing points, corners, spheres and geometric figures attempt to render the essence of the figures in an abstract manner, as they are perceived and appear in Ito’s artistic and emotional imagination.



[1]             Cf. R. Mastroianni, In the Space and In the Time, Altralinea edizioni, Florence 2013

[2]             Cf. Ibid

[3]             Cf. P. Restany, Group Sou- Progetto Persona- Esposizione Sou, Galleria Kodama, 1987 and S. Takahashi (edited by), Le mostre di Fukushi Ito-Nello spazio e nel tempo, Museo d’arte della prefettura di Aichi, 1999

PERSONA – In the space and in the time by FUKUSHI ITO

Posted by roberto09 | Posted in Arte e suggestioni metropolitane, Critica d'arte e curatele, Eventi | Posted on 24-06-2017

Tag:, , , , ,

0

18700669_10211140552542586_9055711987334003953_o

“Persona”. In the space e in the time è una mostra personale dal carattere retrospettivo di Fukushi Ito, curata da Roberto Mastroianni, promossa dall’Associazione MetaMorfosi e ospitata dal M.A.G.- MetaMorfosi Art Gallery di Amalfi nei prestigiosi spazi degli Antichi Arsenali della Repubblica Amalfitana (9 giugno-12 luglio 2017), attraverso la quale  presenta al pubblico una dimensione antropologica, non esplicitamente tematizzata ma da sempre presente, nel lavoro dell’artista giapponese.

Fukushi Ito è un’artista giapponese che da più di trent’anni vive e lavora tra l’Italia e il Giappone, sviluppando la propria ricerca e la propria poetica all’incrocio tra spazi e tempi diversi (due patrie, diversi linguaggi, diversi contesti simbolici e materiali), accettando la sfida della contemporaneità, cercando di rendere le contraddizioni del presente attraverso i codici e le innovazioni specifiche della sperimentazione artistica in un contesto globalizzato. Da molti anni l’artista si dedica a indagare artisticamente il rapporto tra spazialità, temporalità, luce, ombra, forma, energia, materia e condizione esistenziale dell’uomo, attraverso cicli di opere che portano tutte lo stesso titolo, “In the space, in the time”, attraverso le quali si dedica a una personale esplorazione dell’universo: alla ricerca delle condizioni di possibilità della presenza delle cose nello spazio e nel tempo e dello statuto esistenziale dell’essere umano. Come abbiamo avuto la possibilità di affermare in altre occasioni[1], “spazio” e “tempo” sono, per Ito, dimensioni dell’identità ontologica ed esistenziale e si relazionano alla memoria singolare e collettiva, permettendo di assumere, preservare e rielaborare l’eredità del proprio universo valoriale e culturale. La stessa formazione artistica di Fukushi ne è un esempio. Parte dalla pittura tradizionale giapponese, che fa della washi (la carta di fibre vegetali fatta a mano) e dei pigmenti naturali supporti materici utili ad accogliere un gesto capace di portare a rappresentarzione le cose nella loro essenzialità simbolica con tratti semplici e raffinati, facendo propria la lezione delle scuole tradizionali di pittura giapponese: in primis la “Scuola di Rimpa”, con la sua attenzione alla sinergia tra decorazione e pittura e al valore simbolico del materiale e quella di Katsushika Hokusai, caratterizzata da un modo leggero e potente di rappresentare le figure nello spazio, dando vita ad un immaginario concretamente pittorico del “mondo fluttuante”. Dall’arte tradizionale giapponese Fukushi si distanzia però quasi subito dopo l’arrivo in Italia e inizia un percorso che vede i materiali antichi accostarsi e integrarsi con quelli contemporanei: la washi e i pigmenti si uniscono all’immagine foto e video realistica, al plexiglass e alla pellicola trasparente, alla luce del neon e dei led, al fine di dare vita a complesse installazioni che superano la dimensione visuale emergendo nella spazialità. A ben vedere il rapporto artistico tra cultura occidentale e giapponese ha molti precedenti nel Novecento, basti pensare al nipponismo implicito dell’Art Nouveau e del Liberty o al Fluxus. La specificità della ricerca artistica di Fukushi Ito è però quella di aver realizzato una particolare forma di adattamento/traduzione dello stile e delle tematiche giapponesi in codici e linguaggi estremamente attuali e artisticamente contemporanei. I temi della temporalità e della spazialità, l’attenzione per la luce e i materiali si caratterizzano, inoltre, nella poetica di Ito per una costante riflessione antropologica, sempre implicita ma essenziale, che emerge esplicitamente in tutta la propria potenza in opere come quelle in mostra, in cui l’umano assume la funzione di “figura esemplare” di una condizione ontologica e antropologica[2]. Questo interesse per l’umano nella valenza multipla di “persona”, “personaggio”, “figura esemplare”, capace di incarnare una condizione socio-storica ed esistenziale e diventare modello di umanità per le generazioni future, portando a rappresentazione la potenza iconica dell’incontro tra tradizione e innovazione, è a ben vedere presente sin dagli esordi della carriera dell’artista. Nel 1984, ad esempio, Fukushi diede vita, insieme ad altri artisti giapponesi che operavano in Italia e Giappone, al “Group Sou” che nel 1987 realizzò un’installazione collettiva per la sezione “Group Art Work” di un’esposizione internazionale organizzata in sinergia con Manifesta 8. L’opera collettiva dal titolo “Progetto Persona” si presentava come un’installazione ambientale di prismi triangolari di diversi colori, che riprendevano la forma dell’ideogramma giapponese che indica il concetto di “persona” (人). Fu questa un’opera giovanile dal chiaro riferimento antropologico che utilizzava già i codici espressivi, che poi sarebbero diventati tipici della sua poetica, e che nelle parole di Pierre Restany si presentava come altamente sistematica, simbolica e universale[3]. Negli anni successivi, Ito dedicò la maggioranza delle sue forze creative a indagare il nesso spazialità e temporalità, attraverso opere di carattere installativo e fotografico, non abbandonando però mai definitivamente l’interesse per l’umano e la propria esemplarità, che si materializzava nella realizzazione di opere dedicate a personaggi per lei fondamentali per motivi biografici o socio-storici o artistici. Queste “figure esemplari”, con cui Fukushi ha imbastito un dialogo in questi decenni, sono sempre rappresentativi di una specificità socio-storica, sono sempre grandi creatori e innovatori capaci di assumere e superare la tradizione di cui sono portatori, diventando metafora essenziale di una certa epoca e di una certa condizione sociale, materiale e di discorsi determinati sul mondo e le sue trasformazioni: siano essi personaggi storici (ex. Macchiavelli) o artisti o intellettuali contemporanei (ex. Gillo Dorfles, Lucio Fontana, Bruno Munari…). Tutti quanti sono emblemi di alcune specificità culturali e sono stati importanti per la formazione artistica e biografica dell’artista e, nello stesso tempo, hanno segnato l’orizzonte culturale e sociale di riferimento di questa nostra epoca globalizzata. Vi è in questa operazione artistica, che ha prodotto e produce installazioni di materiali e linguaggi compositi, la consapevolezza che non sia solo il mondo a prendere forma ed emergere dall’apertura dello spazio-tempo, ma che siano soprattutto le personalità individuali ad essere capaci di dare forma a se stesse e al proprio mondo, incarnando elementi di innovazione, rottura e conservazione della memoria e della tradizione culturale, sociale, artistica e intellettuale. I personaggi con cui Ito si è confrontata negli anni sono molti, tra gli altri: il grande samurai dell’epoca Edo, Miyamoto Musashi; Korin Ogata, pittore della scuola Rimpa; il pittore di Ukiyoe, Katsushika Hokusai; il romanziere Jun’ichirō Tanizaki; Yukio Mishima; Paolo Uccello; Piero della Francesca; Leonardo da vinci, Niccolò Macchiavelli, Lucio Fontana; Bruno Munari; Oriana Fallaci; Gillo Dorfles… Tutti personaggi che si presentano come “esemplari” ed “emblematici” e in qualche modo “eccezionali” nella propria storicità, biografia e produzione, ponendosi come punti di riferimento per una tradizione, che da loro prende il via o che in loro trova elevata espressione e compimento.  Il carattere iconico delle opere viene ottenuto sovrapponendo immagini foto realistiche di paesaggi, dei personaggi stessi, riproduzioni dei loro scritti e delle loro opere dando vita ad un “paesaggio virtuale” che produce una “realtà dilatata”, anche grazie ad immagini digitali estratte dal mondo del web e della comunicazione televisiva. La saturazione e la sovrapposizione delle immagini e la loro proiezione nell’ambiente espositivo, grazie all’uso della luce montata all’interno delle installazioni a forma di poliedro, restituisce la sensazione immersiva di una contemporaneità popolata di immagini e figure che circondano la nostra esistenza e formano il tessuto connettivo del mondo globalizzato. A queste opere dal valore iconografico fanno da contraltare le installazioni scultoree che articolando spigoli, sfere e figure geometriche cercano di restituire in modo astratto l’essenza dei personaggi così come essi sono percepiti e rappresentati nell’immaginario artistico ed emotivo di Ito.



[1] Cfr. R. Mastroianni, In the Space and In the Time, Altralinea edizioni, Firenze 2013

[2] Cfr. Ibidem

[3] Cfr. P. Restany, Group Sou- Progetto Persona- Esposizione Sou, Galleria Kodama, 1987 e S. Takahashi (a cura di), Le mostre di Fukushi Ito-Nello spazio e nel tempo, Museo d’arte della prefettura di Aichi, 1999