Luisa Passerini

Posted by roberto09 | Posted in Eventi, Lo spazio della Polis, Teoria e critica filosofica | Posted on 19-12-2010

Tag:, , , , , ,

0

Dopo quarant’anni di insegnamento Luisa Passerini, la “storica delle differenze”, va in pensione. Durante la sua lectio magistralis (16/12/2010) ha raccontato il suo percorso di storica culturale e ha lanciato un grido di allarme per la profonda crisi che l’Università italiana sta attraversando.

A noi piace ricordare il suo magistero attraverso queste sue parole:


“Credo in un nuovo tipo di identità europea cosmopolita, sollecitata da una globalizzazione non più solo economica ma anche culturale e accessibile a chi scelga di diventare europeo anche se non lo è per nascita e formazione”. Un’identità, sottolinea la studiosa, “postnazionale e posteriore rispetto a un universalismo astratto che non teneva conto del corpo, postulando dunque un’uguaglianza tra i soggetti meramente formale, mentre in realtà i corpi femminili o quelli colorati non godevano e ancora non godono degli stessi diritti ‘universali’. Un’identità capace di riconoscere le diverse culture, di favorire l’integrazione delle minoranze, lo stato legale dei rifugiati, e di essere adeguata ad affrontare i problemi di razzismo e discriminazione, di sovranità e cittadinanza”.

Comments are closed.